.
 Posizione: Home   Archivio News

L'olivicoltura siamo noi - Evento 26 Giugno

Il giorno 26 Giugno 2019 si volgerà presso la Sala Serpieri all'interno della sede di Confagricoltura l'incontro dal titolo:  L’OLIVICOLTURA SIAMO NOI:  Mercati, sostenibilità, impresa. Le opportunità del settore olivicolo per l’agricoltura e per il Paese.


Tra gli altri interventi ci sarà anche quello del nostro presidente Pier Luigi Silvestri.

Qui di seguito la locandina dell'evento con tutte le informazioni e il programma completo.

Invito Convegno Olivicoltura_26 giugno 2019-1png




Gravi danni alle coltivazioni dei Castelli Romani

Risultati immagini per olive grandine

Gli agenti atmosferici rappresentano una variabile imprevedibile per ogni agricoltore e quando, come accaduto domenica scorsa, 12 Maggio, una violenta grandinata si abbatte sulle coltivazioni, spesso non rimane che fare la conta dei danni.

Questo è quanto accaduto nell'intera area dei Castelli Romani, della province di Latina e Frosinone che per diverse ore sono state flagellate da chicchi di grandine con un diametro fino a 3 cm.

OpConfoliva e Assofrantoi sono vicine agli agricoltori di ogni settore, e in particolar modo a tutti gli operatori della filiera olivicola dei Castelli Romani, di Latina e di Frosinone. I danni sono ingenti e colpiscono un settore già messo alla prova dalla gelata dello scorso anno.

Eventi di mal tempo si sono verificati anche in altre zone d'Italia e noi siamo in costante contatto con i nostri associati per avere un quadro generale della situazione e lavoriamo nelle sedi preposte per ottenere la giusta considerazione e, laddove possibile, ottenere il giusto risarcimento dei danni verificatisi.




Impediamo che l'olio d'oliva venga tassato negli USA.

L'olio d'oliva rischia di finire vittima delle nuove tasse di importazione proposte dal governo americano. Questo renderebbe molto più difficile e costoso esportare il nostro olio negli USA. La "North American Olive Oil Association" ha lanciato una petizione per impedirlo.

 

AP_111884074M 1jpg

Il testo completo della petizione e il modulo per firmarla sono disponibili qui.

Per chi non fosse pratico con l'inglese, questa è la traduzione della petizione:

Non tassate la nostra salute!

Per favore aiutateci a presentare una petizione all'USTR per rimuovere l'olio d'oliva europeo dall'elenco proposto delle tariffe di ritorsione.
Chiediamo al rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) di eliminare l'olio d'oliva dall'elenco di prodotti proposto perché includerlo equivarrebbe a una tassa sulla salute dei consumatori americani, che sono i più colpiti dalle tariffe sugli oli d'oliva europei. Chiediamo all'USTR di eliminare l'olio d'oliva dalla lista per consentire ai consumatori americani di seguire modelli di alimentazione sana in linea con i consigli dei loro medici, nutrizionisti e dietologi.

L'olio d'oliva è uno degli alimenti più sani che possiamo mangiare. La FDA ha riconosciuto l'olio d'oliva come un alimento benefico per la salute cardiovascolare, ma i suoi benefici vanno ben oltre. Le linee guida dietetiche dell'USDA per gli americani raccomandano la dieta mediterranea, per la quale l'olio d'oliva è una delle tre principali componenti, come uno dei tre modelli dietetici sani. Una importante società di consulenza scientifica ha stimato che convincere gli americani ad aumentare l'adesione alla Dieta Mediterranea si tradurrà in un risparmio di 20 miliardi di dollari nel trattamento di molti disturbi che vanno oltre le malattie cardiache, tra cui cancro, diabete e demenza. Infatti, il medico popolare di dieta ed il chirurgo cardiaco Steven Gundry, M.D. è andato fino a dire "lo scopo intero di alimento è di ottenere l'olio d'oliva nella vostra bocca!

Eppure l'USTR ha proposto tariffe sugli oli d'oliva tra una lunga lista di prodotti dell'Unione Europea in rappresaglia per i sussidi dell'industria aeronautica europea. Questo è ingiustificato. Non c'è alcun collegamento tra l'aeronautica e gli oli d'oliva. Inoltre, gli americani non hanno un'alternativa realistica all'olio d'oliva europeo, che in genere rappresenta oltre il 70% della produzione mondiale annuale, proveniente principalmente da Spagna, Italia, Grecia e Portogallo. Gli Stati Uniti consumano circa 300.000 tonnellate di olio d'oliva, e gli Stati Uniti stessi hanno prodotto solo 10.000 tonnellate nel 2018-19. Uno studio sull'atteggiamento e l'uso del 2018, commissionato dal NAOOA e dall'American Olive Oil Producer's Association, ha confermato che la salute è un fattore principale che porta gli americani ad acquistare l'olio d'oliva. Quindi, una tariffa sull'olio di oliva europeo punirà principalmente i consumatori americani che dovranno pagare prezzi più alti per gli oli di oliva, o passare a grassi da cucina meno sani, o addirittura nocivi per la salute, ma meno costosi. 
L'olio d'oliva è l'unico prodotto dell'esaustivo elenco proposto dall'USTR, raccomandato da medici, nutrizionisti e dietologi americani ai loro pazienti per la prevenzione o la cura delle malattie croniche. L'USTR stima che il valore totale delle importazioni dei prodotti per i quali propone tariffe di ritorsione ammonta a 21 miliardi di dollari. Tuttavia, nell'elenco proposto dall'USTR mancano chiaramente i prodotti farmaceutici, i dispositivi e le attrezzature mediche. Il valore dei prodotti farmaceutici europei esportati nei soli Stati Uniti ammonta a quasi 50 miliardi di dollari. Si tratta di più del doppio dell'intero elenco proposto (e di più di cinquanta volte il valore delle importazioni di olio d'oliva). Naturalmente, l'USTR è giustificato nel lasciare i dispositivi e le apparecchiature farmaceutiche e mediche fuori dall'elenco, perché includerli avrebbe un impatto sulla salute dei cittadini statunitensi, soprattutto nella misura in cui non ci può essere un'alternativa realistica per la fornitura di tali prodotti. La stessa considerazione dovrebbe essere riservata agli oli d'oliva. 
Inoltre, sebbene la maggior parte dell'olio d'oliva sia importato negli Stati Uniti, l'industria sostiene migliaia di posti di lavoro nazionali. Dai lavoratori a lungo termine che scaricano l'olio d'oliva nel porto americano, ai posti di lavoro nelle fabbriche nazionali di imbottigliamento dell'olio d'oliva, ai camionisti che lo trasportano in tutto il paese, l'industria dell'olio d'oliva è alimentata da lavoratori americani.

L'USTR dovrebbe riconoscere l'importanza del consumo di olio d'oliva per la salute degli americani e il fatto che non esiste una fonte alternativa realistica di approvvigionamento. Di conseguenza, i consumatori americani sarebbero in primo luogo quelli puniti da una tariffa sugli oli d'oliva. Di conseguenza, l'USTR dovrebbe eliminare gli oli d'oliva dall'elenco proposto, così come ha escluso i prodotti farmaceutici, i dispositivi e le attrezzature mediche dall'elenco.

 

Vi invitiamo a firmare la petizione e a diffonderla il più possibile per scongiurare questa eventualità che produrrebbe un danno enorme al nostro export e di conseguenza a tutta la filiera olivicola. Vi ricordiamo in oltre il link per firmare la petizione.




Guida pratica all'etichettatura

 

Pubblichiamo l'ultima guida pratica all'etichettatura con una breve introduzione del  Il Capo dell’Ispettorato Stefano Vaccari.
 

"La normativa europea sull’etichettatura ha fissato il principio che “Per ottenere un elevato livello di tutela della salute dei consumatori e assicurare il loro diritto all’informazione, è opportuno garantire che i consumatori siano adeguatamente informati sugli alimenti che consumano...”.

 
L’etichetta del prodotto è in genere lo strumento che consente al consumatore di ottenere le informazioni: essa rappresenta una sorta di carta d’identità dell’alimento.
 
Ma l’etichetta è anche uno strumento che il marketing aziendale utilizza per promuovere il prodotto, proponendo spesso messaggi che esaltano le qualità dello stesso e le differenze rispetto ai concorrenti.
 
In pochi centimetri quadrati, quindi, si confrontano due esigenze: quella del produttore, che vuole promuovere adeguatamente il proprio prodotto ed il proprio brand, differenziandolo dagli altri, e quella del consumatore, che vuole conoscere esattamente ciò che sta acquistando. Conciliare le due esigenze è l’obiettivo della legislazione europea e dei conseguenti controlli, anche relativamente la commercializzazione dell’olio di oliva.
 
La “Guida pratica all’etichettatura degli oli d’oliva”, giunta alla sua seconda edizione, vuole fornire agli operatori del settore uno strumento per commercializzare l’olio di oliva in modo corretto e positivo per il consumatore e per il produttore, sia con riferimento alle indicazioni obbligatorie in etichetta che a quelle facoltative.
 
Gli Ispettori Roberto Ciancio e Roberta Capecci, che hanno redatto la Guida, sono da anni punto di riferimento all’interno dell’ICQRF per le tematiche dell’etichettatura e hanno aggiornato la Guida cercando di renderla ancora più fruibile e operativa, oltre che aggiornata con le ultime novità normative.
 
La Guida si affianca all’altro strumento prodotto dall’ICQRF a supporto degli operatori dell’olio di oliva, gli “Esempi di compilazione” relativi alla tenuta del registro telematico degli oli, disponibile, come la Guida, sul “Portale dell’Olio d’Oliva” del SIAN e redatto sempre dagli Ispettori Ciancio e Capecci.
 
Prosegue così lo sforzo dell’ICQRF, una delle Autorità antifrode a livello mondiale come numero di controlli, nel favorire i corretti comportamenti degli operatori e l’informazione dei consumatori. Solamente nel settore dell’olio, nel 2018 ICQRF ha svolto oltre 6.600 controlli ispettivi e analitici, verificando 3.167 operatori. Numerose delle irregolarità riscontrate hanno riguardato proprio l’etichettatura e l’auspicio è che la lettura della Guida possa ridurre il numero di irregolarità riscontrate."
 
 
Il Capo dell’Ispettorato Stefano Vaccari


Disponibile qui l'intera guida.




Si apre la nuova stagione formativa


Con l'incontro di Vibo Valentia svoltosi il 17 Aprile si è inaugurata la nuova stagione di corsi di formazione svolti da OpConfoliva Assofrantoi. Primo di una serie di sedici incontri che si svolgeranno in sette regioni (Lazio, Calabria, Umbria, Sicilia, Puglia, Toscana e Campania) e che seguono gli altrettanti già svolti nella scorsa stagione.

Il prossimo incontro si svolgerà nel Lazio, nello specifico a Grottaferrata (Roma).




Proposte emendative approvate

Publichiamo il documento della commissione XIII
DL 27/2019 - Disposizioni urgenti in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi e di sostegno alle imprese agroalimentari colpite da eventi atmosferici avversi di carattere eccezionale e per l'emergenza nello stabilemento Stoppani, sito  nel coomune di cogelato. C. 1718 Governo

Documento disponibile qui.

 




Tracciabilità, rintracciabilità e automatizzazione sono concetti sempre più importanti nella filiera produttiva

 

eAgri sta lanciando un sistema innovativo in grado di semplificarne le diverse fasi

 

 

Sentiamo in continuazione parlare di tracciabilità e rintracciabilità ma per garantire che queste parole assumano un senso compiuto e si trasformino in pratiche quotidiane, sono necessarie piccole e grandi attenzioni che chiunque operi nei diversi settori dell'agricoltura conosce bene.

eAgri, azienda specializzata in consulenze per l’agricoltura, sta sperimentando con successo un innovativo sistema in grado di semplificare tutte le fase di produzione, trasformazione e distribuzione.

 

Il sistema si basa sull’uso di Tag RFID (semplici etichette munite di un circuito elettrico in grado di registrare informazioni) e di dispositivi, quali smartphone o tablet, capaci di interagire con queste Tag e leggerne le informazioni utili.

 

 

In questa fase sperimentale ci si è concentrati sulla filiera olivicola, sui siti di produzione e trasformazione. I primi riscontri sono estremamente positivi. Le parole d’ordine sono: semplificazione e automatizzazione.

 

Il sistema si pone anzitutto l’obiettivo di facilitare la compilazione del “quaderno di campagna” per i produttori, permettendone, tra l’altro, una conservazione sicura e digitale. Nel caso invece dei trasformatori e dei confezionatori, questo metodo velocizzerà l’ottenimento delle certificazioni e la compilazione dei manuali HCCP.

 

Ci sarà certezza rispetto l’origine del prodotto, attraverso un codice univoco assegnato al momento della fornitura del sistema. Tutto verrà gestito tramite un’applicazione semplice ed intuitiva.

 

Una diversa applicazione sarà invece utile al consumatore finale per ottenere tutte le informazioni sul sito di produzione del prodotto. Questo sarà possibile scansionando dei bollini RFID applicati sulle confezioni di vendita.

 

 




I quattro pilastri della sostenibilità

 

AssoFrantoi, OpConfoliva e Ass.O.M. sono impegnate in una crescente attenzione verso il tema della sostenibilità.

Tale tema è stato nel tempo erroneamente associato esclusivamente all’aspetto ambientale. Quest’ultimo è però solo uno di quattro principali ambiti nei quali è necessario operare per una reale sostenibilità.

Si può, per semplificazione, affermare che la sostenibilità si poggi su quattro pilastri: ambientale, sociale, economico ed etico.

I primi tre pilastri derivano direttamente dal trattato di Amsterdam del 1997. In quell’occasione l’Unione Europea, sancì, a dieci anni esatti dal rapporto Brundtland del 1987, un nuovo accordo per uno “sviluppo armonioso delle attività umane”.

 

Il primo pilastro, quello ambientale è probabilmente il più conosciuto a distanza di oltre vent’anni da quell’accordo: si basa sull’idea che il consumo di risorse debba essere proporzionato alla capacità di tali risorse di rigenerarsi. Stesso discorso per la produzione di scarti che non deve superare la quantità che il sistema è in grado di riciclare o smaltire in modo sostenibile.

 

Il secondo pilastro, quello economico, strettamente interconnesso con gli altri, si riferisce evidentemente alle ricadute economiche che un’attività ha sul territorio nel quale opera e sulle popolazioni che lo abitano. Per essere sostenibile economicamente, un’azienda o una qualunque impresa pubblica o privata, dev’essere in grado di accrescere o mantenere stabili i propri parametri economici nel corso del tempo, ridistribuire nello stesso territorio la ricchezza generata dal suo sfruttamento e fare un uso attento e oculato di tutte le risorse disponibili.

 

Il pilastro sociale fa riferimento a uno spirito aggregativo che renda una comunità coesa e diminuisca o azzeri le differenza sociali di genere e classe. Un territorio deve potersi riconoscere nei valori di un’azienda e crescere insieme a quest’ultima. L’azienda deve a sua volta favorire la coesione sociale, incentivando iniziative di aggregazione e condivisione.

 

A questi pilastri, si deve oggi necessariamente aggiungere anche un quarto pilastro: quello etico. Tale pilastro si basa sulla necessità di garantire una giusta remunerazione a tutti gli attori della filiera che garantisca una sostenibilità e una qualità del prodotto finale.

 

Bisogna ricordare, qualora ce ne fosse bisogno, che questi quattro pilastri sono strettamente interconnessi e che dovesse venire a mancare anche solo uno di questi, l’intera struttura ne risentirebbe in termini di sostenibilità.

 




Convegno: “Olio Extra Vergine di Oliva, Il gusto di stare bene”

Una selezione degli esperti intervenuti durante il convegno

Si è svolto oggi 28 Marzo, presso l’università IULM di Milano, il convegno dal titolo “Olio Extra Vergine di Oliva Il gusto di stare bene”. Oggetto dei diversi interventi che si sono susseguiti durante una mattinata ricca di spunti, è stata la relazione tra qualità dell’olio extravergine d’oliva e le sue proprietà nutrizionali e nutraceutiche.

Ha aperto il convegno il Dott. Piergiorgio Sabatini, Presidente e AD di Farm Computer System, che ha spiegato le iniziative di Unapol volte a migliorare la qualità dell’olio d’oliva.  A tale scopo, secondo il Dott. Sabatini, è necessaria una standardizzazione dei processi attraverso l’uso di certificazioni ISO.

Ha proseguito il Prof. Vincenzo Russo, Direttore Scientifico del Master in Food and Wine Communication IULM, che ha illustrato i più recenti studi sul marketing applicati al mondo delle etichette e dei prodotti di consumo come l’olio d’oliva, sull’importanza di una comunicazione chiara e su come sia fondamentale lavorare in quest’ambito per accrescere le conoscenze sul comportamento e sulle abitudini dei consumatori.

Particolarmente interessante è stato l’intervento della Dr.ssa Filomena Corbo, Prof. Associato di Chimica degli Alimenti presso il Dipartimento di FarmaciaScienze del Farmaco Università degli Studi Aldo Moro Bari, che ha evidenziato li effetti benefici dell’olio d’oliva sull’uomo, a partire già dall’età prenatale. L’ollio d’oliva, sostiene la dottoressa, è assimilabile ad un “quasi farmaco” tanti sono i suoi effetti benefici. Non tutto l’olio d’oliva è però uguale: un eccellente olio da un punto di visa gastronomico, non è necessariamente sinonimo di buon olio da un punto i vista nutraceutico.

Dopo l’introduzione scientifica iniziale, la parola è passata agli attori principali della diffusione culturale e valoriale dell’olio d’oliva: degustatori gastronomici e ristoratori. Nello specifico, Paolo Zaccaria ha raccontato la sua esperienza di degustatore, giornalista e divulgatore in ambito olivicolo. Zaccaria ha rimarcato l’importanza di una degustazione consapevole dell’olio e di come ci sia ancora molta strada da compiere per colmare il divario che sussiste fra le degustazioni di vini e di olio d’oliva. Queste ultime si sono troppo spesso appiattite sul modello delle prime quando invece si configurano come un’esperienza dalle modalità differenti.

Lo chef Umberto Vezzoli e il ristoratore Angelo Fusillo hanno raccontato la loro esperienza dal loro punto di vista di ambasciatori e fruitori dell’olio extravergine d’oliva.

Interventi inattesi ma graditissimi sono stati quelli di Dr.ssa Anna Cane (ASSITOL) e Paolo Mariani (presidente FOOI). La Dottoressa Cane ha parlato della sua lunghissima esperienza di assaggiatrice. Paolo Mariani ha invece fatto un veloce punto sull’importanza dell’associazionismo in ambito olivicolo per limitare la frammentazione di produttori e trasformatori sul territorio italiano. (L’intervento completo sarà presto disponibile sulla pagine Facebook di AssoFrantoi)

Il convegno è stato chiuso da Tommaso Loiodice, presidente UNAPOL che ha riassunto i temi emersi e ha lanciato un augurio per il futuro dell’associazione richiamandola all’unità e ad un clima famigliare, utili al conseguimento degli obiettivi di UNAPOL e dell’incontro odierno: un olio di maggiore qualità e una crescente diffusione della cultura olivicola sia negli attori protagonisti che nei fruitori finali.

A seguire tutti i presenti sono stati invitato ad una degustazione.

 




Accordo di libero scambio UE – Giappone

Sono stati resi importanti aggiornamenti circa il trattato bilaterale UE - Giappone sul libero scambio.
Il trattato, dopo la ratifica da parte di entrambe le parti è entrato definitivamente in vigore.

Grazie ad un report pubblicato da Confaricoltura, siamo in grado di riassumere il lungo iter che ha portato a questo accordo fondamentale per gli scambi commerciali tra l'Unione Eurepa e il Giappone.

All'interno del report sono in oltre evidenziati tutti i dati relativi all'import-export delle due realtà.

Si legge in oltre che:


Si tratta di un Accordo economico globale tra l’Unione Europea ed il Giappone che riguarda tutti i settori produttivi, i servizi, la protezione degli investimenti e della riservatezza dei dati personali, il lavoro, gli appalti pubblici, l’ambiente e lo sviluppo sostenibile, eccetera. Nel negoziato gli obiettivi enunciati dall’Unione Europea sono stati i seguenti:

- Eliminare gli ostacoli agli scambi e rendere più facile per le imprese dell'UE vendere beni e servizi in Giappone; - Aiutare l'UE ed il Giappone a delineare norme commerciali globali in linea con i nostri standard elevati e i nostri valori comuni di democrazia e Stato di diritto.




Ultimata la composizione del gruppo di lavoro europeo sul mercato delle olive e relativi problemi tecnici. Presente il presidente FOOI e AssoFrantoi Paolo Mariani

È stato reso noto l'eleco degli esperti che prenderanno parte al tavolo europeo sul mercato delle olive, atto allo studio e alla soluzione dei problemi tecnici esistenti su tutto il territorio comunitario.

Tra i membri del gruppo di lavoro è presente anche il presidente FOOI Paolo Mariani.

Il primo incontro del gruppo di lavoro avrà luogo il 7 Giugno 2019 insieme all'incontro del gruppo per il dialogo civile.

In allegato il documento ufficiale della commissione europea con la lista completa dei memrbi del tavolo.

 

 



 




Importanti informazioni sul recupero degli oli e grassi vegetali Esausti direttamente da RenOlils: il nostro consorzio di riferimento.

Pubblichiamo la loro newsletter disponibile qui.

 




Approvato il decreto legge a sostegno delle imprese agricole colpite da eventi atmosferici avversi e da Xylella

Riportiamo gli articoli che riguardano in modo diretto il settore olivicolo:
 

Articolo 6. Gelate nella Regione Puglia nei mesi di febbraio e marzo 2018

Si afferma che le aziende agricole della suddetta Regione che hanno subito danni a causa delle gelate eccezionali e che non hanno sottoscritto polizze assicurative possono accedere agli interventi previsti per favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva di cui all’articolo 5 del d.lgs n.102 del 2004. Tali interventi sono, a promemoria e molto sinteticamente: contributi in conto capitale fino all'80% del danno accertato sulla base della produzione lorda vendibile media ordinaria (contributo che sale al 90% nelle zone svantaggiate), prestiti ad ammortamento quinquennale per le esigenze di esercizio dell'anno in cui si è verificato l'evento dannoso e per l'anno successivo, da erogare al tasso agevolato individuato nel decreto, proroga delle operazioni di credito agrario, agevolazioni previdenziali (Vedi Decreto allegato DLgs_SR_FSN_consolidato)

La Regione Puglia può deliberare la proposta di declaratoria di eccezionalità degli eventi entro sessanta giorni dalla entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

 

Articolo 7. Misure a sostegno delle imprese del settore olivicolo-oleario

Questo articolo aggiunge l’art.4-bis al decreto legge 5 maggio 2015, n.51, riconoscendo 5 milioni di € per il 2019, come contributo per la copertura, totale o parziale, dei costi sostenuti per gli interessi dovuti per l’anno 2019 sui mutui bancari contratti dalle imprese entro il 31 dicembre 2018. Tale contributo verrà emesso in maniera uguale per ogni singolo produttore e rispettando i criteri del “de minimis”.

 

Articolo 8. Norme per il contrasto alla Xylella fastidiosa e di altre fitopatie

Al decreto lgs.n.214 del 19 agosto 2005, dopo l’articolo 18 è inserito il 18 bis, che prevede la possibilità di attuare le misure fitosanitarie ufficiali e ogni altra attività ad esse connessa, in deroga a ogni disposizione vigente, nei limiti dei criteri stabiliti dall’art.6 comma 2 bis della decisione di esecuzione UE 2015/789 del 18 maggio 2015, e di quelli indicati nei provvedimenti di emergenza fitosanitaria. Quindi le piante monumentali presenti nelle zone di cui all’Art.6 della predetta decisione non sono rimosse se non è accertata la presenza dell’infezione. Il proprietario, conduttore o detentore dei terreni sui quali insistono piante infettate che non ne danno informazione tempestiva, creano intralcio alle azioni del servizio fitosanitario, omettono l’esecuzione dell’estirpazione incorrono in sanzioni amministrative pecuniarie che possono variare dai 516 ai 30.000€.




Contributi di competenza dell'area Oli e Grassi

A seguito delle numerose richieste pervenuteci da parte dei nostri associati con riferimento ai contributi di competenza dell'area Oli e Grassi di cui all'art.4 c.4 del DM (MiSE) 1° Aprile 2011 per l'anno 2019, vogliamo comunicare quanto segue.

AssoFrantoi rende noto che durante la riunione del 21 Novembre 2018 di ISSI è stata richiesta l'abolizione di tale contribuzione forfettaria per le imprese che svolgono attività di frantoio stagionale.
 
Nata col nome di "Stazione sperimentale per le industrie degli oli e dei grassi" nel 1904 presso il politecnico di Milano, dal 2009 diventa ente pubblico e suoi compiti e attribuzioni sono passati alla Camera di commercio di Milano. Dal 2011 confluisce all'interno di ISSI (Innovhub Stazioni Sperimentali per l'industria).
Fin dalla sua trasformazione in ente pubblico, è stata richiesto un contributo forfettario anche alle imprese che svolgessero attività di frantoio stagionale.
 
AssoFrantoi, da sempre contraria a questa contribuzione e accoglie con favore il parere preventivo e vincolante del comitato ISSI che anticipa il dispositivo di un decreto MiSE.
 

Articolo di riferimento:

 
"Art. 4 
 
1. Fermo restando il disposto di cui  all'art.  7,  comma  20,  del
decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito,  con  modificazioni,
dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, i contributi obbligatori a carico
delle imprese che esercitano le attivita' produttive nei  settori  di
competenza e i commerci di  importazione  corrispondenti  di  cui  al
decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 540, confluiscono nei bilanci
delle organizzazioni costituite ai sensi dell'art. 1, comma  2  dalle
Camere di commercio interessate all'esercizio  delle  funzioni  delle
soppresse Stazioni sperimentali per l'industria. 
  
2. Sono fatti salvi i contributi obbligatori riscossi dalle  Camere
di commercio,  o  da  loro  Aziende  speciali,  sino  al  momento  di
costituzione delle organizzazioni di cui al comma 2 dell'art. 1. 
 
3. Parimenti confluiscono nei medesimi  bilanci  anche  i  proventi
derivanti dalle attivita' di  ricerca  eventualmente  svolta  nonche'
quelli  derivanti  da  convenzioni  ed  accordi  di   programma   con
amministrazioni ed altri soggetti pubblici e privati, le  rendite  di
patrimonio, i lasciti e le donazioni ed ogni eventuale altra entrata.
Tutti  i  rapporti  giuridici  di  cui  erano  titolari  le  Stazioni
sperimentali per l'industria soppresse proseguono in capo al soggetto
costituito ai sensi dell'art. 1, comma 2 del presente decreto. 
 
4. I criteri di determinazione e la misura dei contributi di cui al
comma 1 del presente articolo, definiti e proposti  dagli  organi  di
direzione dalle organizzazioni costituite ai sensi dell'art. 1, comma
2, sono deliberati annualmente  con  decreto  dal  Ministero  per  lo
sviluppo economico, sentita l'Unioncamere, nel rispetto dei  principi
di equita' e proporzionalita', efficienza  e  sostenibilita',  previa
individuazione delle imprese tenute  al  versamento  da  parte  delle
organizzazioni di cui all'art. 1 comma 2. 
 
5. Il patrimonio degli enti  soppressi,  cosi'  come  rilevato  dai
documenti contabili redatti alla  data  del  31  maggio  2010,  viene
iscritto  nei  bilanci  dalle  organizzazioni  costituite  ai   sensi
dell'art. 1, comma 2, che ne dispongono a pieno  titolo.  Sono  fatti
salvi gli adempimenti fiscali, assistenziali e previdenziali  nonche'
le modalita' di registrazione contabile del  patrimonio  e  dei  beni
delle Stazioni sperimentali per l'industria soppresse, adottati dalle
Camere di commercio destinatarie, sino al termine di cui al  comma  1
dell'art. 1 del presente decreto. 
 
6. Le organizzazioni costituite ai sensi dell'art. 1, comma 2, sono
tenute  ad  esercitare  le  funzioni   loro   attribuite   garantendo
l'equilibrio di bilancio."

 




FINANZA AGEVOLATA.

Pubblichiamo il bando ISMEA per gli interventi finanziari a sostengo delle imprese del settore agricolo e agroalimentare.

È possibile qui scaricare il BANDO PER INTERVENTI FINANZIARI A CONDIZIONI AGEVOLATE.

 




Pubblichiamo lo schema di decreto del 12.02.2019 sulla conferenza Stato - Regioni sulla questione Xylella

Documento scaricabile qui




L’olivicoltura italiana fa sistema per difendere l’extravergine

E’ l’obiettivo del patto tra le più importanti realtà del settore per costruire una strategia comune in difesa di un prodotto 100% made in Italy

Promuovere la qualità dell’olio extravergine d’oliva italiano riconoscendo ad ogni componente della filiera il giusto valore per il proprio lavoro. È l’obiettivo del patto tra le più importanti realtà del settore olivicolo che confermano l’intento di costruire una strategia comune, attraverso la Filiera olivicola olearia italiana (Fooi), soprattutto in un’annata che ha acuito la crisi del comparto.


Le associazioni più rappresentative della produzione, Italia Olivicola e Unapol, le uniche due realtà associative della trasformazione, Aifo e Assofrantoi, e l’associazione dell’industria olearia italiana, Assitol, che da mesi portano avanti un progetto di filiera dal campo alla tavola per favorire il consumo del prodotto simbolo della dieta mediterranea e del made in Italy nel mondo, hanno dato il via al primo contratto di filiera targato Fooi.

Un accordo che consente alle industrie aderenti di commercializzare olio extravergine d’oliva 100% italiano di alta qualità acquistato dai migliori produttori del nostro Paese ad un prezzo decisamente superiore alla media del mercato. Infatti, l’acquirente si impegna a pagare al produttore una maggiorazione di 40 centesimi al Kg sul prezzo medio dell’olio extravergine d’oliva 100% italiano di alta qualità rilevato dalla Borsa Merci di Bari al momento della compravendita.

“Si tratta di un risultato importante per i tanti olivicoltori alle prese con numerosi problemi stagionali che ne hanno compromesso il raccolto. Allo stesso tempo, gli industriali puntano con decisione sull’eccellenza del prodotto italiano, che per le sue qualità nutraceutiche non ha eguali nel mondo”, sottolinea il presidente Fooi, Paolo Mariani. Che aggiunge:  “Porte spalancate a tutte le realtà associative del settore che in questo momento non rientrano nell’accordo. Non ho ragione di dubitare che, di fronte al valore di questo importante accordo, possano essere messi da parte sterili interessi di bandiera per il bene dell’olivicoltura italiana”.
Durante l’incontro nella Sala Cavour del Mipaaft è stata ribadita l’intenzione di aprire il confronto sia alla Grande distribuzione organizzata (Gdo), sia alle associazioni dei consumatori per rappresentare al meglio tutte le realtà interessate dal settore olivicolo. È stata annunciata anche la costituzione di un comitato tecnico scientifico che supporterà il Fooi in tutte le attività dei prossimi mesi.

fonte: La Repubblica.it







Olio evo Made in Italy: entra nella fase operativa l'accordo tra Deoleo e Confagricoltura. Tre incontri programmati in Sicilia, Calabria e Puglia

Il protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso giugno tra Confagricoltura Deoleo Spa entra nella sua fase operativa. Tre gli incontri programmati, in Sicilia, Calabria e Puglia, tra i dirigenti dell’azienda olearia, frantoi e produttori associati all’Organizzazione agricola, con l’obiettivo di illustrare finalità e modalità di applicazione dell’accordo. Il primo, oggi, presso la Camera di Commercio di Palermo. 
Gli incontri territoriali sono l’occasione per verificare i requisiti dei frantoi partecipanti alle attività per la prima annualità e per coinvolgere ulteriori operatori per le annualità successive. 
Il protocollo prevede di avviare interventi diretti all’incremento dei mercati di sbocco per le produzioni olearie, con un contestuale miglioramento sia della produzione che della produttività a livello agricolo italiano; ma anche di implementare alcune caratteristiche qualitative dell’olio di oliva extravergine e la sostenibilità della sua produzione a condizioni mutualmente vantaggiose per tutti gli operatori della filiera. 
L’impegno sarà, quindi, quello di lavorare insieme per creare valore aggiunto nella filiera, attraverso azioni che puntino ad un aumento della produzione, della produttività, della qualità e della sostenibilità. 
“Stiamo lavorando per nuovi rapporti di filiera, puntando sulla condivisione degli obiettivi, in un’ottica interprofessionale – sottolinea Massimiliano Giansanti, presidente Confagricoltura -. Bisogna agire assieme con politiche di aggregazione ed integrazione a livello di comparto agricolo ed industriale, rafforzando l’export, rilanciando i consumi. Bisogna passare dalla competizione sui prodotti, alla competizione sulla soddisfazione dei bisogni del cliente”. 
“La produzione dell’olio di oliva destinato ad extravergine in Italia è notoriamente insufficiente a soddisfare il fabbisogno dell’industria di trasformazione e del consumo – fa notare Pierluigi Tosato, Presidente e AD Carapelli Firenze SpA, gruppo Deoleo -. Inoltre, è ancora troppo bassa la percentuale di conferimento di materia prima in strutture aggregate che possano vantaggiosamente favorire una ordinata commercializzazione del prodotto; anche su promettenti mercati esteri, come gli Stati Uniti, il Giappone e la Cina”.
In Italia il comparto dell’olio di oliva confezionato crea, ogni anno, un surplus di bilancia commerciale di circa 114 miliardi di euro. Tra aziende ed indotto (packaging, macchinari, logistica), in Italia sono oltre 10mila i dipendenti del settore oleicolo. 
Deoleo, con i suoi brand, tra cui BertolliCarapelli e Sasso, è al primo posto nel settore olio di oliva in Italia, Spagna e Stati Uniti (fonte dati: Nielsen, dicembre 2017), con un valore netto delle vendite di 692 milioni di euro ed un volume di oltre 170 milioni di litri di olio. 
Confagricoltura è l’Organizzazione di rappresentanza e tutela dell’impresa agricola italiana. I datori di lavoro associati rappresentano i due terzi del totale delle imprese del settore e assumono oltre 500 mila lavoratori. Nel comparto olivicolo rappresenta oltre 90 mila aziende, con una produzione commercializzata che supera le 100 mila tonnellate.

 




TAVOLA ROTONDA - VITERBO 15.06.2018

Chiostro della Chiesa della Trinità - P.zza della Trinità - Viterbo, ore 10.00

"Più Europa, valore e opportunità"

 




CONVEGNO "L'OLIVICOLTURA ITALIANA TRA PRESENTE E FUTURO"

08/05/2018 - ore 10.30

Sala Mezzanino, Pad.2 primo piano - CIBUS Parma







ASSO.FRANTOI ALLA PRESIDENZA DELLA FILIERA OLIVICOLO OLEARIA ITALIANA

Ad assumere la carica presidenziale della Filiera Olivicola Olearia Italiana - FOOI - è il presidente di Assofrantoi, Paolo Mariani.

L'impegno preso dal FOOI nei confronti degli attori della filiera e soprattutto nei confronti dei consumatori si rinnova e continua a lavorare alla tutela dell'olio extra vergine di oliva italiano.

In tale direzione si muove la decisione del Consiglio di Amministrazione di concedere l'utilizzo del marchio FOOI alle aziende che hanno fatto della qualità e della tracciabilità il loro punto di forza.

http://www.teatronaturale.it/pensieri-e-parole/associazioni-di-idee/25731-un-frantoiano-a-capo-della-filiera-olivicolo-olearia-italiana.htm

 

 




PROGETTO: OLIVICOLTURA DI PRECISIONE

Cari associati,

vi comunichiamo che ASSO.FRANT.O.I.  sta avviando un progetto di “olivicoltura di precisione”.

In linea con gli obiettivi previsti dal Ministero delle politiche agricole e forestali, per lo sviluppo di un sistema di sostenibilità ambientale, questo progetto si avvale di strumenti di sensoristica diagnostica meccanica di precisione e bioinformatica per il monitoraggio dei parametri biofisici dell’olio di oliva.

Il mondo olivicolo, come già avvenuto in precedenza per altre colture arboree, sta mostrando un crescente interesse nei confronti dell’intensificazione colturale e della riduzione dell’impatto ambientale. In questi contesti , l’olivicoltura di precisione gioca un ruolo importante per il raggiungimento di una maggiore produttività ed eco-sostenibilità aziendale, in quanto permette, attraverso moderne tecnologie, di evidenziare la variabilità presente all’interno di un appezzamento e di gestirla mediante interventi sito-specifici differenziati sulla base delle reali esigenze della coltura.

Gli obiettivi di questo progetto sono:

-Incrementare il profitto aziendale attraverso la riduzione dei costi di produzione e il miglioramento della qualità dei prodotti;

-Ridurre l’uso di prodotti chimici immessi, dei consumi idrici e delle emissioni nocive;

-Incrementare l’uso di strumenti informatici e tecnologici attraverso l’accesso alle informazioni sull’origine dei prodotti (Tracciabilità e lotti di produzione)

 

Tali obiettivi verranno conseguiti attraverso l’espletamento delle seguenti attività:

-L’utilizzo del quaderno di campagna informatico;

-Costruzione di banche dati e geolocalizzazione relative al nostro territorio;

-Utilizzo di sistemi di sensoristica per il monitoraggio dei parametri biofisici dell’olivo ( Temperatura; umidità, bagnature fogliare….);

-Sviluppo di modelli per l’elaborazione previsioni e realizzazione di sistemi di agricoltura di precisione attraverso uno strumento che sia di supporto alle decisioni con particolare riferimento alla produttività e alla qualità;

-Utilizzo di strumenti digitali di agricoltura di precisione, fruibili anche da remoto, integrante in ambienti cloud;

-Utilizzo di una piattaforma informatica per la gestione e lo sviluppo di tutte le attività del progetto rientranti in un contesto.

 

Per aderire al progetto e per avere maggiori delucidazioni scriveteci una mail ad assofrantoi@confagricoltura.it




LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI FRANTOIO OLEARIO–OLEIFICIO

Gentili soci,

vi comunichiamo che sono state pubblicate le Linee Guida antincendio per i depositi dei frantoi oleari.

Il documento, frutto della collaborazione tra il F.O.O.I–Filiera Olivicola Olearia Italiana e gli Uffici della Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica, fornisce le indicazioni atte a garantire un adeguato livello di sicurezza antincendio per i frantoi oleari.

 

Si ritiene,comunque, opportuno evidenziare che:

·        le Linee guida non rappresentano una regola tecnica di prevenzione incendi: pertanto non hanno carattere di “cogenza” , ma costituiscono un utile indirizzo per i titolari delle attività e per i progettisti;

·        nulla è mutato in relazione alla classificazione (prevista dall’Allegato I del DPR 151/2011) e all’istruttoria di prevenzione incendi per le attività in questione, che dovrà comunque seguire le procedure previste dal DM 7/8/2012 e dal relativo Allegato I (Documentazione relativa ad attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio).

Rendiamo noto che si sta tentando di ottenere un'ulteriore proroga al 7 ottobre 2018 come scadenza ultima per la presentazione dell’istanza di adeguamento alla normativa antincendio cosi come richiesto e ottenuto lo scorso anno con la legge 27 febbraio 2017 n. 19. Sarà nostra cura darvene tempestiva informazione. 

Per le Linee Guida clicca qui.




LINEE GUIDA ETICHETTATURA OLIO DI OLIVA

Cari associati, vi segnaliamo la pubblicazione delle linee guida per l'etichettatura dell'olio di oliva sul sito del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Per visionare e scaricare l'allegato, clicca qui.




AVVISO CORSO AVANZATO DI FORMAZIONE PER FRANTOIANI

Cari associati,

vi segnaliamo il corso avanzato di formazione per frantoiani, che si svolgerà dal 1 al 5 settembre a Maida (CZ).

Per maggiori informazioni contattare i riferimenti presenti nella brochure in allegato.

 




AVVISO RIUNIONI PUBBLICHE

I giorni:

  •  16 marzo 2017 dalle ore 10,00 alle ore 12,00 presso la sede di OP Confoliva di Corso Vittorio Emanuele II, 101 -00186 Roma.
  •  20 marzo 2017 dalle ore 16,00 alle ore 17,00 presso la sede di Confagricoltura di Latina, Via Don Minzoni, 1 – 04100 Latina.

si terranno riunioni pubbliche aperte a tutti i soggetti interessati alla partecipazione al "PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA" di cui al seguito:

 

PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE LAZIO 2014-2020

Regolamento (UE) N. 1305/2013 - MISURA M16 “Cooperazione”

SOTTOMISURA 16.10.1 “Progetti di filiera organizzata”

Soggetto proponente (capofila della filiera): Op Confoliva Soc. Coop. a r.l. – sede operativa della Regione Lazio Via Pia 44-46 – 00049 Velletri (Roma). Tel 06/963.72.63 mail: opconfoliva@confagricoltura.it

Comparto produttivo della filiera: Olivicolo.

Titolo del progetto: Valorizzazione dei sottoprodotti della filiera olivicola mediante sistemi di estrazione che innalzano la qualità degli oli prodotti nei frantoi del Lazio.

Idea progettuale della filiera: Valorizzazione dei sottoprodotti della filiera olivoleica per l’azzeramento dell’impatto ambientale nel trattamento dei reflui oleari.

Modalità di adesione al progetto: I soggetti interessati al progetto di filiera possono aderire come “partecipante diretto” (soggetti che aderiscono ad almeno una delle misure/sottomisure del PSR 2014/2020 previste dal bando) o come “partecipante indiretto” (soggetti che non aderiscono a nessuna delle misure/sottomisure del PSR 2014/2020) presentando domanda di adesione al soggetto capofila.

Modalità di selezione dei partecipanti: Coerenza con il comparto produttivo.

Opportunità offerte dal bando “Progetti di filiera organizzata”: Per i soli partecipanti diretti è previsto un contributo a fondo perduto pari al 100% delle spese sostenute fino ad un massimo di 3 mila euro con un limite massimo per l’intero progetto di 100 mila euro per la gestione del Programma di Filiera Organizzata, nonché l’accesso ai punteggi aggiuntivi previsti dai bandi PSR Regione Lazio per le imprese aderenti a Progetti di Filiera Organizzata.

Vincoli previsti dal bando “Progetti di filiera organizzata”: I soggetti interessati al progetto di filiera si impegnano: a conferire al Capofila il mandato con rappresentanza nei confronti della Regione Lazio per l’esercizio di tutti i poteri indicati nel bando e nell’accordo di filiera, nonché ad espletare tutti gli adempimenti previsti dal bando in relazione ai singoli interventi e al progetto di filiera nel suo complesso e a rispettare ogni altro obbligo previsto.

I produttori e i trasformatori che partecipano al progetto di filiera si impegnano a conferire al soggetto che opera la trasformazione e la commercializzazione dei sottoprodotti oleari il prodotto da trattare (sansa di olive), almeno nella prevalenza delle produzioni ottenute per tutta la durata prevista dall’accordo di filiera. Gli impianti di trasformazione/commercializzazione dei sottoprodotti si impegna ad utilizzare i sottoprodotti della filiera dei partecipanti all’accordo di filiera (sansa di olive), per almeno tutta la durata prevista dall’accordo stesso.

La partecipazione al “Progetto integrato di filiera” richiede la sottoscrizione con atto pubblico di un accordo di filiera tra tutti i partecipanti per la gestione dei rapporti interni.

 




NOVITA' PREMI SUPERFICI OLIVICOLE

Novità in merito ai premi destinati agli agricoltori di superfici olivicole. 

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, su invito della Commissione Europea, sta provvedendo ad inserire, quale requisito per l'accesso a tali premi, l'obbligo di inserimento nel REGISTRO TELEMATICO della produzione olearia in modo da garantire, quale destinazione delle olive raccolte, la molitura delle stesse.

In allegato la Circolare Ministeriale.




II ED. CONCORSO DOMINA          D-IOOC 2017

Dal 3 al 7 Maggio 2017 si svolgerà a Palermo la seconda edizione del concorso "Domina International Olive Oil Contest" - riconosciuto come tra i più prestigiosi concorsi di oli extra vergine di oliva.
 

 

L'edizione trascorsa ha visto coinvolti 21 paesi produttori (su 27) e premiati 329 oli tra cui 198 italiani.

Il concorso offre ai partecipanti grandi opportunità per l'inserimento nel mercato internazionale tra cui:

•        l'inserimento degli oli partecipanti al concorso in una Guida, dedicata ai buyers, che verrà distribuita durante le manifestazioni internazionali;

•        la possibilità di incontrare, in occasione della fiera TUTTOFOOD che si svolgerà a Milano dall' 8 all' 11 Maggio 2017, Importatori e Grossisti italiani ed esteri, Buyer GD/GDO nazionali ed internazionali, Buyer delle piccole e medie catene di distribuzione nazionali ed internazionali;

•        la pubblicazione, sul sito Domina, di tutti gli oli premiati e le relative schede tecnico-commerciali;

•        l'inserimento dei partecipanti in un APP per SmartPhone creata appositamente per mettere in contatto produttori e consumatori del mondo dell'olio;

•        e molto altro ancora.

L'iscrizione scade il 15 aprile 2017.

Per il regolamento clicca qui. Per tutte le altre info consultate il sito http://www.d-iooc.com/.


 




PROGETTO DI FILIERA ORGANIZZATA SULL’OLIVA DI GAETA D.O.P.

Il Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dell’Oliva di Gaeta D.O.P., in veste di soggetto Capofila, ha in corso la predisposizione di un Progetto di Filiera Organizzata sull’Oliva di Gaeta D.O.P. finalizzato a:

  • Migliorare la competitività dei produttori primari dell’oliva da cultivar Itrana integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso il regime di qualità dell’Oliva di Gaeta DOP, favorendo la creazione di un valore aggiunto per le olive prodotte, la promozione nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali;
  • Superare gli ostacoli a livello di impresa individuale con lo strumento della filiera organizzata;
  • Favorire la realizzazione di interventi nella produzione primaria, nella trasformazione e nella commercializzazione delle Olive di Gaeta D.O.P.

Il Progetto di Filiera Organizzata è attuato nell’ambito del Bando Pubblico della Sottomisura 16.10.1 del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Lazio, di cui alla Determinazione del Direttore della Direzione Regionale Agricoltura e Sviluppo Rurale, Caccia e Pesca n. G115 del 9.1.2017."




L’olio di oliva: il piacere del benessere

Confagricoltura sta organizzando una serata-evento dedicata all’olio extravergine di oliva. L’obiettivo è duplice: da un lato  sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche del settore e dall’altro offrire alle aziende la possibilità di presentare alla stampa ed agli operatori presenti i loro prodotti della campagna 2015.

L’evento, dal titolo  L’olio di oliva: il piacere del benessere, è previsto per il giorno 3 febbraio 2016, alle ore 17.30, a Roma presso la sala Serpieri di Confagricoltura.

E’ previsto l’intervento di: Mario Guidi, Presidente di Confagricoltura; Donato Rossi, Presidente della FNO; Modera Enrico Laurelli, giornalista Mediaset; Marco Oreggia, esperto assaggiatore di olio; Massimo Vincenzi, specialista in Scienza dell’Alimentazione e Dietetica; Juan Navarro, Responsabile Todolivo per l’Italia. Alle ore 18.30 vi sarà la presentazione delle aziende espositrici e la descrizione degli oli. Alle ore 19.00 ha inizio la degustazione degli oli.

Per visualizzare l’invito, clicca qui.




FIRMATO L’ACCORDO DI FILIERA PER VALORIZZARE L’OLIO ITALIANO

Siamo lieti di comunicare che è stata raggiunta un’intesa storica per rilanciare l’intera filiera del settore olivicolo, grazie ad un accordo congiunto, di cui anche Asso.Frant.o.i. è firmataria.

Le associazioni firmatarie - AIPO, ASSITOL, ASSOFRANTOI, CNO, FEDEROLIO, UNAPOL, UNAPROL e UNASCO - puntano ora all’attuazione del Piano olivicolo.

Un accordo-quadro per valorizzare tutti i protagonisti dell’intera filiera, dall’olivicoltura all'industria passando per il commercio. E’ il risultato dell’intesa storica che oggi le associazioni di categoria dell’intero comparto oleario, dopo mesi di trattative, hanno firmato a Roma.

In particolare, l’accordo riconosce un adeguato sostegno al mondo olivicolo italiano, prevedendo per i produttori capaci di fornire un olio di elevato livello qualitativo un vero e proprio premio, vale a dire il pagamento di 40 centesimi al chilo in più rispetto al prezzo di mercato. L’olio in questione dovrà possedere un’acidità massima di 0,4 e requisiti chimico fisici migliori rispetto a quelli previsti dalla normativa vigente. 

Per maggiori dettagli sul comunicato stampa, clicca qui.




 

 

 

 

 

 

 

 

INVITO EVENTO - FUORIEXPO - MILANO

OEVO e la Stada dell'Olio dei Monti Pisani hanno il piacere di invitarLa all'evento "Stroria, arte, sensi e innovazioni intorno all'Extravergine dei Monti Pisani".

L'evento si terrà giorno 15 SETTEMBRE 2015.

Per visualizzare il programma completo clicca qui.

                                                                                         

Inoltre si terrà l'inaugurazione della Mostra Fotografica - Montemagno:  volti e immagini della Toscana del Buon Vivere di Giacomo Bretzel. Per maggiori dettagli, clicca qui.




Registro telematico degli oli - Guida operativa - Esempi di compilazione

Vi comunichiamo  che sul sito del Ministero, al link di seguito riportato, è stata pubblicata una Guida operativa contenente esempi di compilazione del Registro telematico degli oli di oliva.

Il link è: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/8980




Asso.Frantoi va in vacanza!

I nostri uffici saranno chiusi dal 3 al 23 agosto.

Per comunicazioni urgenti scrivere a assofrantoi@confagricoltura.it.

 

 

 

 

 




Linee guida per un Piano Olivicolo Nazionale

Visto il perdurare della situazione di grave difficoltà in cui versa l'olivicoltura italiana e a seguito della proposta fatta lo scorso 9 Luglio per un piano olivicolo nazionale al ministro Martina, in data 22 Luglio 2015 AssoFrantoi, insieme alle altre organizzazioni del settore olivicolo, ha firmato una lettera congiunta indirizzata al Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, proponendo delle linee guida per il piano olivicolo, come previsto nel DL n°51 del 05.05.2015.

Ecco qui la lettera congiunta.




"Fondi per il nuovo Piano Olivicolo nazionale:
Le associazioni del settore inviano una lettera congiunta al ministro Martina".

È stata predisposta una lettera congiunta dalle associazioni del settore olivicolo e indirizzata al ministro Martina, relativa al sollecito, più volte espresso, volto ad ottimizzare l'utilizzo dei fondi destinati al nuovo Piano Olivicolo nazionale attraverso la concertazione con i fondi dei vari PSR delle Regioni.

Per visualizzare l'intero contenuto della lettera congiunta, cliccare qui.




"Visita divulgativa gratuita presso l'impianto biogas agri power plus S.R.L."

Giorno 29 Giugno 2015 alle ore 10:00 viene offerta la possibilità di visitare l'impianto biogas della società Agri Power Plus S.R.L. che valorizza i sottoprodotti della filiera olivoleica. L'impianto è ubicato esattamente presso "strada provinciale B.GO Piave - Acciarella Km 6,560 - Latina (LT).

Per le modalità di prenotazione della visita e per ulteriori informazioni, ecco qui il programma.




"L'olio italiano e le sue qualità. Innovare per competere: un settore a confronto con la modernizzazione."

Il Convegno si terrà il prossimo 30 giugno alle ore 16, presso la sede di Confagricoltura sita in C.so V.Emanuele II, 101, Roma. Durante l'incontro verrà presentanta anche la nuova OP Confoliva.

Qui il programma.

 

 




Convegno “Innovazione della filiera olivoleica con recupero dei sottoprodotti a fini energetici: Biogas come soluzione ecosostenibile”.

L’incontro si terrà il prossimo 23 giugno 2015 alle h.10.00 presso la sede di Palazzo Valle, sito in C.so V. Emanuele II, 101, Roma.

Si alternano gli interventi:

Andrea Fabbri – Agri Power Plus
Biogas from Oil.
Paolo Mantovi e Mirco Garuti – CRPA
Caratterizzazione chimico-fisica ed energetica di sanse tal quali
e pretrattate utilizzate per la produzione di biogas
moderatore Francesco Candi

 




Vi ricordiamo che a partire dal 1 luglio 2015 sarà obbligatorio tenere il registro telematico recante nuove modalità. Fino al 30 giugno 2015 sarà comunque possibile utilizzare il registro telematico provvisorio e/o il registro telematico ordinario.L'ambiente "TEST" sarà invece disponibile solo fino al 15 giugno 2015.

 





Recoil: l'olio vegetale è un materiale prezioso anche quando è un rifiuto.

L’olio vegetale è una fonte energetica importante e salutare per il nostro corpo, e anche da esausto può essere fonte di energia; dal biodiesel all’ energia elettrica e termica: l’olio vegetale usato in cucina è una grande risorsa energetica ed economica. Raccolto in modo differenziato e dopo opportuni processi di trattamento e rigenerazione, infatti, può essere riciclato e tornare a nuova vita sotto forma di materie prime per uso industriale o energia alternativa.

 




Pubblichiamo la comunicazione di Agrinsieme indirizzata al Ministo dello Sviluppo Economico, ai Ministri dell'Agricoltura e dell'Ambiente relative alla problematiche dell'utilizzo della sansa di oliva vergine negli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.




Successivamente alla pubblicazione del parare  espresso dall'Antitrust, sul bollettino n.7 del 9 marzo 2015, relativo all’impiego delle sanse vergini destinate alla produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile,  Asso.Frantoi insieme ad Unaprol, CNO, Unasco e Aifo, ha firmato una lettera, inviandola alle più altre cariche politiche e rappresentative del settore, per opporsi a questa posizione del tutto senza fondamento e a nostro parere contraddittoria.

L'Autorità garante della concorrenza e del mercato, contrastando l'utilizzo delle sanse destinate a fonte di energia rinnovabile, non ha valutato l'aspetto economico e commerciale della sansa nell'intera filiera olivicola, inoltre non ha considerato neanche l'impatto ambientale, nel caso le sanse venissero inserite nella categoria dei "rifiuti".

Vi invitiamo a leggere gli allegati alla presente e ad inviarci segnalazioni e opinioni al riguardo per poter fronteggiare al meglio questa situazione e procedere in un'azione comune e condivisa.




Organizzazione di produttori: è nata Op Confoliva!

L’OP Confoliva è una società cooperativa agricola costituitasi a Roma come Organizzazione di Produttori ed operante su tutto il territorio nazionale.
La Op Cooperativa Confoliva è retta e disciplinata dai principi di mutualità senza fini di speculazione e si è costituita conformemente alle leggi comunitarie, al fine di ottenere il riconoscimento secondo quanto disciplinato dal Reg. UE 1308/2013 e dal D.M. Mipaaf 8648/2014.

 

 





Olio e olivicoltura, la chiusura della terza annualità a Palermo.

Si terrà a Palermo lunedì 23 marzo il convegno di chiusura della terza annualità del Reg. CE 867/08. Assofrantoi ha voluto celebrare una regione che è stata vicina e partecipe in tutto il triennio, salutando e concludendo il suo progetto proprio in Sicilia.
L'appuntamento è alla Camera di Commercio dove, a partire dalle 11:00, si alterneranno gli interventi del presidente Assofrantoi, Pier Luigi Silvestri, del consigliere e presidente ASFO Pietro Pipitone, dei tecnici Marco La Valva, Vincenzo Nicolì ed Elisa Tomassi.
Qui il programma.

 





Olio di oliva: report ISMEA sul terzo trimestre 2014.

logo_ismea

Si allegano due report ISMEA relativi al settore dell’olio di oliva nel terzo trimestre 2014. Il calo delle produzioni italiane  per la campagna 2014 si stima del 35% rispetto allo scorso anno e una produzione poco al di sopra delle 300 mila tonnellate, contro le 464 mila diffuse dall'Istat per il 2013. Il secondo report riguarda invece le tendenze di mercato dell’olio in Italia e nel mondo. Le stime produttive mondiali riferite dal COI indicano una produzione di 2,5 milioni di tonnellate, il -23% rispetto all'anno precedente. 

 







Dal 3 all'8 Novembre gli uffici di AssoFrantOI saranno aperti in orario 9:00/13:00 per la nostra partecipazione a Ecomondo Key Energy.
Venite a trovarci a Rimini!





Olio di oliva: tendenze per il secondo trimestre 2014.

logo_ismea

Il secondo trimestre 2014 ha segnato, in controtendenza con la Spagna, un incremento dei listini per l'extravergine, mentre il lampante ha seguito le sorti negative dell'analogo prodotto iberico. La domanda interna di olio di oliva dei primi sei mesi del 2014 è scesa in volume, trascinata soprattutto dal segmento dello sfuso, mentre segni positivi si registrano per l'olio confezionato. In aumento la spesa, sulla scia della rivalutazione dei listini all'origine.
Si allega il report Ismea.

 




"Sinergia e convergenze: nuove strategie a sostegno dei frantoi" a Pontedera (PI) il 24 giugno

L’Associazione Frantoi Oleari Italiani, in collaborazione con la neonata ASSO.FRANTOI TOSCANI, ha organizzato un incontro dedicato ai frantoiani, con la partecipazione di associati, tecnici ed esperti del settore olivicolo.
L’appuntamento è il prossimo  24 giugno alle ore 10,30 presso la Fondazione Piaggio - Via Rinaldo Piaggio, 7 - Pontedera (PI), luogo in cui verranno affrontate alcune delle problematiche del settore allo scopo di migliorare l’attività dei frantoi italiani e con particolare riguardo a quelli della regione Toscana. 

 





Modifiche al SIAN dal 30 giugno, riepilogo della riunione con AGEA

viale uliveto

Si è tenuta presso AGEA una riunione tecnica con i funzionari SIAN nel corso della quale sono stati analizzate le tematiche inerenti i registri telematici che entreranno in vigore dal 30 giugno 2014.

Di seguito si riporta una sintesi dei principali argomenti presentati in riunione.

 





Convegno a Pisa il 24 giugno: Assofrantoi e Assofrantoi Toscani promuovono l'aggregazione

Assofrantoi e Assofrantoi Toscani stanno organizzando un convegno sulle tematiche relative al miglioramento della qualità tramite l'aggregazione del prodotto a livello regionale e locale. Il convegno si terrà il 24 giugno p.v. a Pontedera (PI) presso la Fondazione Piaggio. Nei prossimi giorni pubblicheremo il programma del convegno e l'elenco dei relatori. 

 





Nuovo corso d'assaggio Olio EVO a Portici: al via le iscrizioni per giugno

assaggio olio

Asso.Frant.O.I. e Sportello Olio organizzano un corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli d'oliva secondo quanto previsto dal dm 1334 del 28/02/2012.
Il corso si svolgerà presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli studi di Napoli “Federico II”, via Università 100, Portici (NA) nei giorni 3, 4, 5, 9, 10, 11 Giugno 2014.

 




Report ISMEA sul primo trimestre 2014: aumenta l'EVO, scende il lampante

Secondo quanto emerso dal report ISMEA sul settore olivicolo-oleario, sul mercato internazionale il primo trimestre 2014 ha segnato una battuta di arresto dei listini spagnoli, mentre sugli altri Paesi competitor la situazione, soprattutto per l’extra vergine, è opposta. In Italia il primo trimestre 2014 ha segnato un aumento dei listini per l’extravergine mentre il lampante registra una andamento in valore negativo.
Il report in formato pdf è scaricabile qui.

  

 







Gli uffici di AssoFrantoi riapriranno lunedì 5 maggio.
A tutti voi, buona festa dei lavoratori.

 




Sian: le modifiche al registro dal 16 aprile
 

Il 16 aprile 2014 AGEA e SIN hanno convocato i rappresentanti delle associazioni di categoria per comunicare le modifiche al portale SIAN – commercializzazione olio di oliva – che entreranno in vigore gradualmente a partire dal 16 aprile 2014.
Le modifiche maggiori riguardano i codici operazione, che in parte vengono sostituiti e in parte aumentati.
Negli allegati scaricabili sono spiegati nel dettaglio i nuovi codici operazione sia per l’inserimento manuale che in modalità “upload”.
L'evoluzione del registro carico e scarico sarà disponibile a breve.
Il file sulle modifiche dei codici può essere richiesto via mail a stampa@assofrantoi.com

 




Conferma di Mario Guidi alla presidenza di Confagricoltura

Assofrantoi si congratula col rieletto presidente di Confagricoltura Mario Guidi. Il rinnovo del suo mandato alla guida della Confederazione generale dell'Agricoltura conferma la diffusa stima da parte del settore nei confronti delle sue comprovate capacità manageriali e personali, nonché la fiducia circa le sfide di là da venire.
Assofrantoi rivolge al presidente Mario Guidi gli auguri per un nuovo mandato di prosperità e successi, rinnovando la disponibilità alla collaborazione per futuri progetti congiunti.

 

 

 





AssoFrantoi partecipa alla Misura 133 del PSR della Regione Lazio

 

Asso.Frant.o.i partecipa al bando per la Misura 133 del PSR della Regione Lazio. Il progetto che presenteremo si concentra sulla partecipazioni ad eventi e fiere nazionali e internazionali, con un particolare occhio di riguardo alla comunicazione multimediale e pubblicità dell’olio extravergine laziale.
La misura 133 è rivolta esclusivamente ai produttori di olio Bio o Dop riconosciuto. Gli interessati possono inviare il modulo compilato all'indirizzo di posta elettronica assofrantoi@confagricoltura.it
 

 





Un tavolo di concertazione con Inail una nuova interpretazione del d.m. 15/07/87 sui premi

È stato convocato presso Inail un tavolo di concertazione tra le parti interessate a ridefinire i premi previsti in base al Decreto Ministeriale 15 luglio 1987.
Il decreto stabilisce i “premi speciali unitari per l’assicurazione delle persone addetta ai lavori di frangitura e spremitura delle olive”.  Per la campagna olearia 1987-88, data la stagionalità del lavoro e la mancanza di contratti dedicati, erano stati stabiliti dei premi Inail in modo forfettario da parte del Ministero del Lavoro.

 

 

 





A Palermo il 16 aprile una giornata su miglioramento della produzione e nuove tecnologie

Mercoledì 16 aprile 2014, a partire dalle ore 09:00, si terrà presso la Camera di Commercio di Palermo, in Via E. Amari 11, il convegno ”Utilizzo di tecnologie innovative per il miglioramento della produzione dell’olio extravergine di oliva”. Per tutta la giornata si susseguiranno interventi di docenti dell'Università di Palermo, funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, tecnici ed esperti del settore oleario. Il convegno si chiuderà alle ore 15:30.
Tutti i partecipanti potranno conferire un campione del loro olio, sul quale sarà effettuato uno screening analitico completo. I risultati saranno consegnati al termine dell’incontro stesso.

 





"Norme e regolamenti verso il futuro", la seconda annualità si chiude il 25 marzo a Spello

Il 25 marzo, in occasione della conclusione del secondo anno d’attività, ASSO.FRANT.O.I. incontrerà presso la Sala Consiliare del Palazzo Comunale di Spello (PG) associati, tecnici ed esperti del settore olivicolo. L’incontro sarà l’occasione per esporre le attività portate a compimento nella seconda annualità nell’ambito del progetto “Miglioramento della qualità degli oli di oliva” Reg. CE 867/08 e s.m.i., e per approfondire politiche e normative vigenti. 
Il Presidente di ASSO.FRANT.O.I. Pier Luigi Silvestri illustrerà i progetti portati avanti dall’associazione nel corso di questi primi due anni di attività, e, nel presentare gli argomenti all’ordine del giorno, darà il via ai lavori.

 

 

 





Prorogato al 10 aprile il termine ultimo per la registrazione al SIAN

 

Si fa seguito alla circolare ministeriale 20/12/2013, prot. n.7524, relativa alle disposizioni applicative della regolamentazione comunitaria in oggetto indicata e in particolare alle modalità di registrazione nel "registro telematico" istituito da AGEA nell'ambito del portale SIAN. Al riguardo, tenuto conto dei ristretti margini di tempo a disposizione degli operatori e delle esigenze dagli stessi manifestate, le annotazioni riepilogative mensili sul registro provvisorio previste per il 10 marzo sono prorogate di un mese. Pertanto le registrazioni relative ai mesi di gennaio e febbraio 2014 potranno essere effettuate entro il 10 aprile 2014.

 





PSR Regione Lazio, i nuovi bandi

Si informano gli associati della regione Lazio che sono stati pubblicati sul BURL n. 17 Supplemento n. 1 del 27/02/2014, e sono disponibili sul sito internet dell’Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca, i bandi pubblici per la raccolta di domande di aiuto ai sensi di talune misure del PSR 2007-2013 DGR 72/2014 concernente. Queste sono nello specifico la Misura 123 "Accrescimento valore prodotti agricoli e forestali" e la  Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, alimentare e forestale". 

 





OP, normative e D.M. 23/12/2013: un incontro per spiegare il futuro dell'olivicoltura l'11 marzo a Battipaglia.


Il prossimo 11 marzo dalle ore 10:00 si terrà presso la sede Confagricoltura di Battipaglia, in Via Strauss 24/C, un incontro promosso da AssoFrantOI.
Le tematiche in oggetto saranno:
- Agriventure: proposta di sviluppo innovativo della filiera olivicola italiana;
- Creazione dell'OP;
- D.M. 23/12/2013.
Per partecipare scrivere a stampa@assofrantoi.com.
 

 





Abolita la tassa per gli assaggiatori iscritti all'albo


L'Agenzia delle Entrate, con risoluzione n. 22/E del 18 febbraio, ha accolto l’istanza del Ministero per le politiche agricole e forestali che non riteneva opportuno imporre la tassa per le iscrizioni negli elenchi degli esperti di olio. Sulla base di questa risoluzione i tecnici e gli esperti degli oli di oliva vergini ed extravergini non sono tenuti a corrispondere la tassa di 168 euro sulle concessioni governative per ottenere l’iscrizione nell’elenco nazionale.

 





Nuovo corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli a San Gregorio Magno (SA)


Asso.Frant.O.I. ha attivato un nuovo corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli d'oliva secondo quanto previsto dal dm 1334 del 28/02/2012. Il corso si svolgerà a San Gregorio Magno (SA) presso l'ITIS in C./da Teglia 84020 nei giorni 17, 19, 21, 24, 25, 27 febbraio e 5, 6, 10, 11 marzo 2014. Per info, modalità di partecipazione e costi rivolgersi a stampa@assofrantoi.com.

 





Il 20 febbraio un incontro a Palermo con Agea e Sian sulla tenuta dei registri

Assofrantoi ed Asfo, insieme a Confagricoltura e all'Unione Provinciale Agricoltori di Palermo, organizzano un incontro il giorno 20/02/2014 con i funzionari Agea e Sian in merito alle nuove disposizioni per la tenuta dei registri per gli operatori del settore olio di oliva.
L'incontro si terrà giovedì 20 febbraio alle ore 10.30 presso la Camera di Commercio di Palermo in Via E. Amari 11, sala Terrasi, 2° piano.
E' gradita conferma di partecipazione all'indirizzo mail stampa@assofrantoi.com
 

 





Sul sito del Sian la pubblicazione delle domande più frequenti circa gli obblighi di registrazione

 

Si informano tutti gli associati che è stato pubblicato sul sito del SIAN - Portale dell'Olio d'Oliva  (percorso: Home › Servizi › Gestione›  Dichiarazioni mensili e Gestione registro carico/scarico oli › Domande frequenti sul registro provvisorio) un documento concernente le risposte alle domande poste dagli operatori del settore oleario a seguito degli obblighi di registrazione introdotti dal Reg. (UE) n. 299/2013 (che ha modificato il Reg. (CEE) n. 2568/91) e dal Decreto ministeriale recante le relative disposizioni nazionali di attuazione (in corso di pubblicazione).
Il pdf delle domande più frequenti può essere scaricato qui.

 





Assofrantoi.com migliora per voi!

 
Assofrantoi sta lavorando all'implementazione del sito per essere sempre più efficiente! Il nostro obiettivo per questo 2014 è fornirvi un sito dalla consultazione facile, accessibile, completa.
Mandateci i vostri consigli e le vostre richieste all'indirizzo stampa@assofrantoi.com.
Assofrantoi lavora per voi!

 





Nuova circolare Agea sulla commercializzazione dell'olio d'oliva

 

Si informano gli associati che Agea ha emanato il 24/12/2013 una circolare mediante la quale disciplina le procedure per la tenuta del registro provvisorio. A partire dal 31 gennaio 2014 gli operatori obbligati alla tenuta del registro provvisorio potranno iscriversi al SIAN secondo le procedure descritte da Agea nella circolare allegata; il registro provvisorio sarà poi disponibile sul sito solo a partire dal febbraio 2014. Agea riferisce altresì che le istruzioni operative per la sua compilazione saranno riportate in un'apposita guida pubblicata entro breve nella sezione "documentazione" del portale dell'olio sul SIAN.

 





Serre (SA): nuovo corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli d'oliva


Asso.Frant.O.I. organizza un corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli d'oliva secondo quanto previsto dal dm 1334 del 28/02/2012. Il corso si svolgerà a Serre (SA), presso l'Oleificio Di Giacomo, in via Marzo Str. St. 19 nei giorni 20, 21, 22, 23, 24, 27, 28, 29, 30, 31 Gennaio 2014.
La partecipazione è limitata a 25 persone.  Data la disponibilità di posti limitata, saranno accolte le prime 25 richieste di partecipazione, debitamente compilate e fatte pervenire all'indirizzo mail stampa@assofrantoi.com .
Il costo del corso è 120 euro. Le modalità di pagamento saranno comunicate tramite mail di conferma. I bonifici dei partecipanti confermati dovranno pervenire entro il 17 gennaio.
 

 





Buone feste da AssoFrantoi!

I nostri uffici resteranno chiusi dal 23/12/2013 al 06/01/2014.





Assicurazione infortuni per OTD di cooperative ex lege n.240/84 c.61


Ci pervengono da alcuni associati richieste di chiarimento circa l'assicurazione infortuni per OTD di cooperative ex lege n.240/84 (c.61).
La norma in commento prevede che i dipendenti con contratto di lavoro a tempo determinato delle imprese cooperative e i loro consorzi ex lege n.240/1984, debbono essere assicurati contro gli infortuni sul lavoro secondo le disposizioni del settore industria, pur rimanendo inquadrati previdenzialmente come lavoratori agricoli. 
 

 





Olio novello: il 20 novembre le degustazioni in Confagricoltura



Assofrantoi, in collaborazione con Confagricoltura, sta organizzando una serata-evento dedicata all’olio extravergine di oliva novello per il giorno 20 novembre 2013 presso la sede confederale di Roma alle ore 18.30.
L’obiettivo della serata è duplice: da un lato  sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche del settore e dall’altro offrire alle aziende la possibilità di presentare alla stampa ed agli operatori presenti i loro prodotti della campagna 2013. 

 





Dal 21 ottobre cambia il registro telematico di carico e scarico.


A partire dal 21 ottobre sarà disponibile una nuova versione del registro telematico di carico/scarico ai sensi del D.M. 8077/2009.
Le novità riguarderanno la registrazione di un nuovo soggetto in anagrafica, la gestione delle diverse sedi operative dei propri fornitori, l'anagrafica degli stabilimenti e dei recipienti di stoccaggio, le modalità di comunicazione dei lotti di confezionamento.
 

 





A Napoli corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli d'oliva


 

Asso.Frant.O.I. e Sportello Olio organizzano un corso per la determinazione dell'idoneità fisiologica all'assaggio degli oli d'oliva secondo quanto previsto dal dm 1334 del 28/02/2012.Il corso si svolgerà presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli studi di Napoli “Federico II”, via Università 100, Portici (NA) nei giorni 20, 21, 22, 27, 28, 29 Gennaio 2014.
La partecipazione è limitata a 25 persone. Il costo del corso è 120 euro, ridotto a 80 euro per gli studenti.

 





Corso per assaggiatori di Olio Vergine a Molfetta: al via il 22 ottobre



ASSOFRANTOI, in collaborazione con l’Accademia di Cucina FACTORY DEL GUSTO, organizza nella Regione Puglia un corso tecnico di primo livello per aspiranti assaggiatori di olio di oliva vergine.Al termine del corso, e previa effettiva frequenza dello stesso, verrà rilasciato l’Attestato di Idoneità Fisiologica (a seguito superamento prove), indispensabile per l’iscrizione all’Elenco nazionale di tecnici ed esperti di oli di oliva vergini ed extravergini.

 





Assofrantoi e l'Organizzazione Interprofessionale per avvicinare i soggetti della filiera



Assofrantoi ha siglato un accordo interprofessionale con le organizzazioni della filiera olivicola aderenti all'Organizzazione Interprofessionale dell'olio di oliva.
L'accordo favorisce la realizzazione di un quadro di regole condivise in cui possano essere conclusi i contratti che le aziende potranno poi sottoscrivere autonomamente con le aziende aderenti alle altre organizzazioni firmatarie.

 





Incontro tecnico in Sicilia per l'assistenza ai frantoi


Assofrantoi e ASFO vi invitano alla presentazione del servizio nazionale di assistenza tecnica ai frantoi, attività svolta nell'ambito del Reg. CE 867/08 e s.m.i.
L'incontro si svolgerà il 20 Settembre 2013 alle ore 09.00 presso la sede amministrativa ASFO in Piazza Municipio a Misilmeri (PA).
Interverranno il Presidente ASFO e consigliere nazionale Assofrantoi Piero Pipitone e i due tecnici coinvolti nell'assistenza, Vincenzo Nicolì e Marco La Valva. Il programma e l'invito in pdf.
 

 





Emissioni nell'atmosfera, arriva l'esonero per gli impianti agricoli


Frantoi, cantine ed essiccatoi hanno ottenuto in via definitiva l'esonero dall’obbligo di autorizzazione per le emissioni in atmosfera. La legge di conversione del decreto legge  21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia ha introdotto nel testo del decreto l’articolo 41-ter, norme ambientali per gli impianti ad inquinamento scarsamente significativo.

 





Legislazione alimentare in Italia e nel BRIC, tre nuovi corsi di Assofrantoi e Foodlex.


A tutti gli interessati,
Assofrantoi e Foodlex presentano il corso di formazione sulla legislazione alimentare in Italia e sul mercato nei Paesi del BRIC (Brasile, Russia, India e Cina). Nella giornata del corso si alterneranno gli interventi dei responsabili di FoodLex e della repressione frodi. Il costo è di 100,00 euro a partecipante, e sarà attivato con l'iscrizione minima di 15 persone da far pervenire entro il 10 settembre 2013 presso l'indirizzo mail stampa@assofrantoi.com .

 





Assofrantoi vi augura buone ferie!


Assofrantoi va in vacanza. Dal 5 al 31 agosto la sede Confagricoltura di Palazzo Valle a Roma resterà chiusa.
Rientreremo in attività da lunedì 2 settembre.
Per rimanere informati sulle iniziative autunnali, restate in contatto con noi tramite il sito e la pagina facebook.

Da tutti noi buone ferie!

 




 

 


Nuove opportunità di sviluppo per il settore olivoleico nell'ambito del programma Reg. CE 867/08 seconda annualità



Si terrà il prossimo 26 giugno, dalle ore 15 presso il Centro Servizi per i prodotti tipici e tradizionali di P.zza Sant'Ignazio 144 in Roma, il convegno organizzato da AssoFrantoi "Nuove opportunità di sviluppo per il settore olivoleico nell'ambito del Reg CE 867/08 seconda annualità", che vedrà un susseguirsi di interventi circa le migliorie che l'Associazione Frantoi Oleari Italiani sta perseguendo, e intende incrementare, per far brillare sempre più la qualità dell'OEVO nel panorama nazionale.

 




 

 


I mille volti dell’olio di oliva. Scenari alla luce delle normative europee


Il mondo degli oli di oliva è in continuo fermento. Tante le regolamentazioni comunitarie che ne disciplinano la materia. A Milano l’Organizzazione nazionale dell’Interprofessione dell’olio di oliva, insieme con Olio Officina Food Festival, organizzano un incontro per fare il punto sulla situazione del settore, presso la sede dell’Ufficio d’Informazione a Milano del Parlamento europeo. Il 25 giugno, ore 14.15 a Milano.

 




 

 


Da gennaio 2014 il modello Sian diventa obbligatorio per tutti

 

Dal primo gennaio 2014 diminuiranno le esenzioni sinora previste, e il modello di carico e scarico Sian diventerà obbligatorio per tutti.
Secondo il decreto ministeriale che recepisce il regolamento comunitario 299/2013 varato il 26 marzo scorso, verrà esteso il campo di applicazione del registro Sian a molti più soggetti. Saranno tracciati tutti gli oli di oliva, compresi quelli di sansa e raffinati. E' cancellata dunque l'esenzione dalla tenuta del registro per frantoi aziendali, sansifici e commercianti di olive.

 




 

 


Tuttofood 2013: Guida Olio e la CDI OEVO a Milano il 20 maggio

Innovazione, ricerca e sperimentazione per l’autenticazione, la tracciabilità e la valorizzazione dell’Olio Extra Vergine d’Oliva italiano di qualità nella filiera olivicola. Questo ed altro al convegno con "show cooking" organizzato da Guida Olio e finanziato dal MiPAAF presso la Fiera TuttoFood - Milano World Food Exhibition a Milano il 20 maggio.

 

 




 


L'Oleificio Diliberto e la Soc. Agricola S. Venera vincono i primi premi per i fruttati al concorso regionale Morgantìnon

La quarta edizione del concorso regionale Morgantìnon degli oli extravergini di oliva siciliani ha visto, il 9 maggio scorso, la premiazione di due nostri associati della regione Sicilia. L'Oleificio Diliberto è stato premiato per il suo Fior di Drupa Bio come migliore olio biologico della categoria "fruttato leggero". Il Biologic Oil Fior di Drupa è fra le punte di diamante dell'Oleificio Diliberto, e vanta la Carta d'Identità del Frantoio a salvaguardia del consumatore.
Anche la Società Agricola S.Venera ha ottenuto un prestigioso riconoscimento come olio biologico "fruttato intenso", aggiudicandosi il primo posto nella categoria.

 




 


Corsi di formazione e aggiornamento per tecnici e agronomi, aperte le iscrizioni

 

Sono aperte le iscrizioni al corso di formazione ed aggiornamento per tecnici ed agronomi operanti nel settore olivicolo organizzato da Asso.Frant.o.i..
Chiunque volesse partecipare può richiedere il modulo all'indirizzo mail stampa@assofrantoi.com.

 




 


ASSO.FRANT.O.I.SERVIZI a Verona: l'impegno per i nostri associati


Conclusasi la prima esperienza di Asso.Franto.O.I. al Sol&Agrifood, vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato il 9 aprile presso lo stand di Confagricoltura all'interno della fiera.
Numerose sono state le polemiche circa l'evento fieristico, che rimane fortemente improntato al vino, lasciando poco spazio ai settori altri dell'enogastronomia. Per noi invece è stato un primo, importante passo.
Guarda insieme a noi la galleria fotografica.

 




 


ASSO.FRANT.O.I.SERVIZI il 9 aprile al VINITALY/SOL&AGRIFOOD di Verona

 

Dopo la scommessa sulla “Filiera 2.0” e il lancio dell’Asso.Frant.O.I. Mobile, applicazione gratuita per smartphone che indirizza il consumatore ad un approccio nuovo verso mondo dell’olio, Asso.Frant.O.I. si cimenta in una nuova iniziativa che punta alla modernità. Il prossimo 9 aprile, in occasione del Vinitaly/SOL&AGRIFOOD di Veronafiere, l’Associazione presenterà lo sportello di consulenza remota sulle normative agroalimentari.

 




 


Bando per la partecipazione al progetto "Miglioramento della qualità degli oli di oliva” II annualità 2013/2014.

L’associazione Frantoi Oleari Italiani in occasione dell’avvio delle attività previste nella II annualità 2013/2014 nell’ambito del progetto “Miglioramento della qualità  degli oli di oliva”, relativo all’attuazione del programma di attività Reg. Ce 867/08 , con riconoscimento MIPAF  decreto n. 8287  del 22/12/2011, invita tutti gli associati a candidarsi per l’inserimento nelle seguenti attività:

 

 





MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEGLI OLI DI OLIVA Reg. Ce 867/2008 Bando per manifestazione di interesse


Assofrantoi ha presentato per il triennio 2012-2015 un progetto finalizzato all’esecuzione di specifiche attività ai sensi del Reg. CE n. 867/08 e s.m.i. e della relativa disciplina di attuazione emanata dal Mipaaf e dall’AGEA nell’ambito del “Progetto miglioramento della qualità degli olio di oliva”.
Nell’ambito delle varie attività da svolgere, l’Associazione intende affidare a soggetti terzi (imprese di consulenza, società di servizi) l'attività di elaborazione di studi riguardanti aspetti correlati alle altre attività previste dal programma, nonché assistenza tecnica all’industria di trasformazione oleicola e a imprese di imbottigliamento per quanto riguarda aspetti inerenti alla qualità dei prodotti.

 





Servizio Nazionale di Assistenza Tecnica. Gli incontri di Asso.Frant.O.I. sulla prima annualità reg. CE 867/2008

Nell’ambito del Programma di Attività triennale redatto ai sensi del Reg. CE 867/2008, l'associazione ASSO.FRANT.O.I. ha organizzato tre incontri per la divulgazione relativa al Servizio Assistenza Tecnica svolto durante la sua prima annualità, attraverso cui ha erogato interventi a supporto dei Frantoiani e degli Operatori della Filiera Olearia.

Gli incontri si terranno a Battipaglia (SA) il 26 marzo, a Bagheria (PA) il 27 marzo e a Molfetta (BA) il 30 marzo.

 





“ASSO.FRANT.O.I.: LA NUOVA REALTA’ NEL SETTORE OLIVICOLO ITALIANO.” Prima annualità nell’ambito del Reg. CE 867/2008.

Il 22 marzo, in occasione della conclusione del primo anno d’attività, ASSO.FRANT.O.I. incontrerà nella sua sede operativa di C.so Vittorio Emanuele II n.101 in Roma i tecnici, gli associati e gli esperti del settore olivicolo. L’incontro è l’occasione per esporre le attività portate a compimento nella prima annualità nell’ambito del progetto “Miglioramento della qualità degli oli di oliva” Reg. CE 867/08, e per un dibattito sulle prospettive future. 

 





Come garantire la genuinità dell’olio di oliva? Normative, controlli e tracciabilità. Seminario a Bari

 

La sempre crescente attenzione ai prodotti alimentari ha comportato un aumento notevole dei controlli eseguiti su alimenti e bevande. L’olio di oliva oltre a essere una componente fondamentale per l’alimentazione, rappresenta per le regioni del Sud Europa un importante prodotto che viene esportato in tutto il mondo. I controlli di qualità sono quindi fondamentali per garantire la sua genuinità, per evitare frodi e per assicurare un elevato livello qualitativo al consumatore.

 





 

L’Associazione Frantoi Oleari Italiani (ASSO.FRANT.O.I.), è un’associazione non avente fini di lucro di recente costituzione, rappresenta 195 frantoi aderenti direttamente o tramite Organizzazioni Territoriali e diffusi nelle 10 principali regioni olivicole italiane. L’Associazione si propone lo svolgimento di attività di elaborazione, promozione e realizzazione di progetti di solidarietà del settore, finalizzate allo sviluppo dei prodotti ed alla risoluzione di problemi di interesse generale.




Norme e regole per la commercializzazione dell'olio d'oliva

Il 26 febbraio 2013 si è tenuto a Roma il seminario "Olio d'oliva: luci e ombre nelle dinamiche di mercato", ospitato dall'INEA nella sua sede auditorium di via Nomentana. Numerosi sono stati gli interventi e gli approfondimenti, altrettante le criticità emerse e le sfide lanciate dai relatori ai futuri decision makers in ambito sia nazionale che comunitario, ma anche alle stesse associazioni di categoria.

 





Progetto “Miglioramento della qualità  degli oli di oliva”

L’associazione Frantoi Oleari Italiani in occasione dell’avvio delle attività previste  nell’ambito del progetto “Miglioramento della qualità  degli oli di oliva”, relativo all’attuazione del programma di attività Reg. Ce 867/08 , con riconoscimento MIPAF  decreto n. 8287  del 22/12/2011, invita tutti gli associati a candidarsi per l’inserimento nelle seguenti attività:









Cerca nel sito
  



Seguici su :



Partner :































« Credits : SOFITER SYSTEM ENGINEERING S.p.A. »

.