.

 Posizione: Home 



ASSO.FRANTOI ALLA PRESIDENZA DELLA FILIERA OLIVICOLO OLEARIA ITALIANA

Ad assumere la carica presidenziale della Filiera Olivicola Olearia Italiana - FOOI - è il presidente di Assofrantoi, Paolo Mariani.

L'impegno preso dal FOOI nei confronti degli attori della filiera e soprattutto nei confronti dei consumatori si rinnova e continua a lavorare alla tutela dell'olio extra vergine di oliva italiano.

In tale direzione si muove la decisione del Consiglio di Amministrazione di concedere l'utilizzo del marchio FOOI alle aziende che hanno fatto della qualità e della tracciabilità il loro punto di forza.

http://www.teatronaturale.it/pensieri-e-parole/associazioni-di-idee/25731-un-frantoiano-a-capo-della-filiera-olivicolo-olearia-italiana.htm

 

 



PROGETTO: OLIVICOLTURA DI PRECISIONE

Cari associati,

vi comunichiamo che ASSO.FRANT.O.I.  sta avviando un progetto di “olivicoltura di precisione”.

In linea con gli obiettivi previsti dal Ministero delle politiche agricole e forestali, per lo sviluppo di un sistema di sostenibilità ambientale, questo progetto si avvale di strumenti di sensoristica diagnostica meccanica di precisione e bioinformatica per il monitoraggio dei parametri biofisici dell’olio di oliva.

Il mondo olivicolo, come già avvenuto in precedenza per altre colture arboree, sta mostrando un crescente interesse nei confronti dell’intensificazione colturale e della riduzione dell’impatto ambientale. In questi contesti , l’olivicoltura di precisione gioca un ruolo importante per il raggiungimento di una maggiore produttività ed eco-sostenibilità aziendale, in quanto permette, attraverso moderne tecnologie, di evidenziare la variabilità presente all’interno di un appezzamento e di gestirla mediante interventi sito-specifici differenziati sulla base delle reali esigenze della coltura.

Gli obiettivi di questo progetto sono:

-Incrementare il profitto aziendale attraverso la riduzione dei costi di produzione e il miglioramento della qualità dei prodotti;

-Ridurre l’uso di prodotti chimici immessi, dei consumi idrici e delle emissioni nocive;

-Incrementare l’uso di strumenti informatici e tecnologici attraverso l’accesso alle informazioni sull’origine dei prodotti (Tracciabilità e lotti di produzione)

 

Tali obiettivi verranno conseguiti attraverso l’espletamento delle seguenti attività:

-L’utilizzo del quaderno di campagna informatico;

-Costruzione di banche dati e geolocalizzazione relative al nostro territorio;

-Utilizzo di sistemi di sensoristica per il monitoraggio dei parametri biofisici dell’olivo ( Temperatura; umidità, bagnature fogliare….);

-Sviluppo di modelli per l’elaborazione previsioni e realizzazione di sistemi di agricoltura di precisione attraverso uno strumento che sia di supporto alle decisioni con particolare riferimento alla produttività e alla qualità;

-Utilizzo di strumenti digitali di agricoltura di precisione, fruibili anche da remoto, integrante in ambienti cloud;

-Utilizzo di una piattaforma informatica per la gestione e lo sviluppo di tutte le attività del progetto rientranti in un contesto.

 

Per aderire al progetto e per avere maggiori delucidazioni scriveteci una mail ad assofrantoi@confagricoltura.it



LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI FRANTOIO OLEARIO–OLEIFICIO

Gentili soci,

vi comunichiamo che sono state pubblicate le Linee Guida antincendio per i depositi dei frantoi oleari.

Il documento, frutto della collaborazione tra il F.O.O.I–Filiera Olivicola Olearia Italiana e gli Uffici della Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica, fornisce le indicazioni atte a garantire un adeguato livello di sicurezza antincendio per i frantoi oleari.

 

Si ritiene,comunque, opportuno evidenziare che:

·        le Linee guida non rappresentano una regola tecnica di prevenzione incendi: pertanto non hanno carattere di “cogenza” , ma costituiscono un utile indirizzo per i titolari delle attività e per i progettisti;

·        nulla è mutato in relazione alla classificazione (prevista dall’Allegato I del DPR 151/2011) e all’istruttoria di prevenzione incendi per le attività in questione, che dovrà comunque seguire le procedure previste dal DM 7/8/2012 e dal relativo Allegato I (Documentazione relativa ad attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio).

Rendiamo noto che si sta tentando di ottenere un'ulteriore proroga al 7 ottobre 2018 come scadenza ultima per la presentazione dell’istanza di adeguamento alla normativa antincendio cosi come richiesto e ottenuto lo scorso anno con la legge 27 febbraio 2017 n. 19. Sarà nostra cura darvene tempestiva informazione. 

Per le Linee Guida clicca qui.



LINEE GUIDA ETICHETTATURA OLIO DI OLIVA

Cari associati, vi segnaliamo la pubblicazione delle linee guida per l'etichettatura dell'olio di oliva sul sito del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Per visionare e scaricare l'allegato, clicca qui.



AVVISO CORSO AVANZATO DI FORMAZIONE PER FRANTOIANI

Cari associati,

vi segnaliamo il corso avanzato di formazione per frantoiani, che si svolgerà dal 1 al 5 settembre a Maida (CZ).

Per maggiori informazioni contattare i riferimenti presenti nella brochure in allegato.

 



AVVISO RIUNIONI PUBBLICHE

I giorni:

  •  16 marzo 2017 dalle ore 10,00 alle ore 12,00 presso la sede di OP Confoliva di Corso Vittorio Emanuele II, 101 -00186 Roma.
  •  20 marzo 2017 dalle ore 16,00 alle ore 17,00 presso la sede di Confagricoltura di Latina, Via Don Minzoni, 1 – 04100 Latina.

si terranno riunioni pubbliche aperte a tutti i soggetti interessati alla partecipazione al "PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA" di cui al seguito:

 

PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE LAZIO 2014-2020

Regolamento (UE) N. 1305/2013 - MISURA M16 “Cooperazione”

SOTTOMISURA 16.10.1 “Progetti di filiera organizzata”

Soggetto proponente (capofila della filiera): Op Confoliva Soc. Coop. a r.l. – sede operativa della Regione Lazio Via Pia 44-46 – 00049 Velletri (Roma). Tel 06/963.72.63 mail: opconfoliva@confagricoltura.it

Comparto produttivo della filiera: Olivicolo.

Titolo del progetto: Valorizzazione dei sottoprodotti della filiera olivicola mediante sistemi di estrazione che innalzano la qualità degli oli prodotti nei frantoi del Lazio.

Idea progettuale della filiera: Valorizzazione dei sottoprodotti della filiera olivoleica per l’azzeramento dell’impatto ambientale nel trattamento dei reflui oleari.

Modalità di adesione al progetto: I soggetti interessati al progetto di filiera possono aderire come “partecipante diretto” (soggetti che aderiscono ad almeno una delle misure/sottomisure del PSR 2014/2020 previste dal bando) o come “partecipante indiretto” (soggetti che non aderiscono a nessuna delle misure/sottomisure del PSR 2014/2020) presentando domanda di adesione al soggetto capofila.

Modalità di selezione dei partecipanti: Coerenza con il comparto produttivo.

Opportunità offerte dal bando “Progetti di filiera organizzata”: Per i soli partecipanti diretti è previsto un contributo a fondo perduto pari al 100% delle spese sostenute fino ad un massimo di 3 mila euro con un limite massimo per l’intero progetto di 100 mila euro per la gestione del Programma di Filiera Organizzata, nonché l’accesso ai punteggi aggiuntivi previsti dai bandi PSR Regione Lazio per le imprese aderenti a Progetti di Filiera Organizzata.

Vincoli previsti dal bando “Progetti di filiera organizzata”: I soggetti interessati al progetto di filiera si impegnano: a conferire al Capofila il mandato con rappresentanza nei confronti della Regione Lazio per l’esercizio di tutti i poteri indicati nel bando e nell’accordo di filiera, nonché ad espletare tutti gli adempimenti previsti dal bando in relazione ai singoli interventi e al progetto di filiera nel suo complesso e a rispettare ogni altro obbligo previsto.

I produttori e i trasformatori che partecipano al progetto di filiera si impegnano a conferire al soggetto che opera la trasformazione e la commercializzazione dei sottoprodotti oleari il prodotto da trattare (sansa di olive), almeno nella prevalenza delle produzioni ottenute per tutta la durata prevista dall’accordo di filiera. Gli impianti di trasformazione/commercializzazione dei sottoprodotti si impegna ad utilizzare i sottoprodotti della filiera dei partecipanti all’accordo di filiera (sansa di olive), per almeno tutta la durata prevista dall’accordo stesso.

La partecipazione al “Progetto integrato di filiera” richiede la sottoscrizione con atto pubblico di un accordo di filiera tra tutti i partecipanti per la gestione dei rapporti interni.

 





Pagina : 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 |






Cerca nel sito
  



 
Seguici su :



Partner :

























« Credits : SOFITER SYSTEM ENGINEERING S.p.A. »

.