Le ultime notizie:

1,2 miliardi per i Contratti di filiera. Firmato dal Ministro Patuanelli il decreto che disciplina i finanziamenti per il V bando



1,2 miliardi di euro a disposizione per i Contratti di filiera e di distretto, di cui 350 saranno utilizzati per lo scorrimento delle graduatorie del IV bando e 850 milioni per il V bando.  

È stato firmato dal Ministro Stefano Patuanelli, dopo il via libera il 16 dicembre in Conferenza Stato Regioni, il decreto che disciplina i finanziamenti a sostegno dei Contratti di filiera e le modalità e le procedure per l'attuazione del V Bando.

Il decreto rappresenta la base per l'emanazione dei provvedimenti attuativi dei contratti di filiera, indicando le relative modalità di finanziamento, l'iter istruttorio e la procedura di valutazione per la selezione dei progetti.

I Contratti di filiera costituiscono uno strumento di sostegno alle politiche agroindustriali istituito nel 2002 e gestito dal MiPAAF. L'obiettivo generale è quello di finanziare programmi di investimento rivolti alle filiere, che siano sostenibili dal punto di vista ambientale e innovativi dal punto vista tecnologico, perseguendo specifici obiettivi per i singoli settori dell'agroalimentare, pesca, forestale, floricoltura e florovivaismo.

Le fonti di finanziamento rimangono, in linea con gli anni passati, i contributi in conto capitale e il finanziamento agevolato; tuttavia la prima forma di finanziamento è a valere sul fondo complementare al Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR) mentre la seconda sul Fondo rotativo per le imprese (FRI) gestito da Cassa Depositi e Prestiti.

Vengono inoltre disciplinati gli aspetti concernenti i beneficiari e i proponenti dei Contratti di filiera, gli interventi ammissibili, le tipologie di aiuto concedibile, l'iter istruttorio e la procedura valutativa per la formazione della graduatoria finale dei Programmi.

Gli interventi ammissibili alle agevolazioni riguardano, in particolare, gli investimenti in attivi materiali e immateriali nelle aziende agricole, nel settore della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli, nella partecipazione dei produttori ai regimi di qualità, nella promozione dei prodotti agricoli e nella ricerca e sviluppo nel settore agricolo.  

Il versante più rilevante è quello delle misure agevolative previste dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali per la realizzazione dei Programmi di investimento connessi ai Contratti.

Il Contributo in conto capitale e il Finanziamento agevolato sono legati agli investimenti previsti dai Contratti di filiera. Possono essere ammessi alle agevolazioni quelli che prevedono programmi con un ammontare delle spese ammissibili compreso tra 4 milioni e 50 milioni di euro, tese a favorire l'integrazione fra i differenti soggetti in termini di miglioramento del grado di relazione organizzativa commerciale, di distribuzione del reddito e di impatto ambientale.

FONTE MIPAAF

L'olio in Città - 10 Dicembre, Frascati

L’OLIO IN CITTA’  

Frascati (RM) – Scuderie Aldobrandini  

10 dicembre 2021  

Il 10 dicembre 2021 si svolgerà nelle Scuderie Aldobrandini, nel cuore della città di Frascati, un’ intera giornata dedicata alla conoscenza del mondo dell’olivicoltura.  

OP Confoliva insieme a Confagricoltura, Frantoi del Lazio, Asso.Frant.o.i. ed Ass.o.m., presenterà al pubblico una serie di attività per far conoscere le eccellenze olivicole del territorio e guidare il consumatore ad una scelta consapevole.  

La mattinata sarà dedicata ad un corso gratuito di avvicinamento all’assaggio dell’olio EVO e delle olive da mensa, condotto da esperti del settore, a cui potranno partecipare, previa iscrizione, appassionati, studenti, olivicoltori nonché professionisti che voglio imparare a riconoscere un prodotto di qualità.  

Alle ore 15:00 si replicherà il corso di avvicinamento all’assaggio, sempre previa iscrizione, con un approfondimento sulle olive, settore in continua crescita tra la produzione Made in Italy.  

A seguire, alle ore 17:30, si aprirà la tavola rotonda “Olio EVO: Risponde l’esperto” Incontro con la Filiera "Olivoleica”, dove i partecipanti all’evento potranno soddisfare ogni loro curiosità sul mondo dell’olivicoltura attraverso un dibattito con esperti della filiera. Olivicoltori, frantoiani, agronomi, nutrizionisti, rappresentanti istituzionali ed aziende del settore risponderanno alle domande dei consumatori.  

A conclusione dell’evento sarà offerto un “APERIOLIO” in cui saranno proposti degli abbinamenti culinari per esaltare i sapori e gli aromi dell’olio extravergine di oliva e delle olive.  

La manifestazione è completamente gratuita e si svolgerà nel completo rispetto delle norme in materia di contenimento Covid19 ed inoltre per l’ingresso è obbligatorio l’esibizione del green pass e l’utilizzo della mascherina.  

Per info e prenotazione ai corsi scrivere a: opconfoliva@confagricoltura.it  

 

Il Presidente OP Confoliva

Pier Luigi Silvestri



merged vertivallypng

Esoneri contributivi: Finalmente operative le esenzioni richieste

Esoneri contributivi Finalmente operative le esenzioni richieste -  Comunicati  Confederazione Generale dellAgricoltura Italiana

Confagricoltura esprime soddisfazione per l’emanazione, da parte INPS, delle istruzioni operative per accedere all’esonero straordinario dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti per il periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2020.

L’esonero - ricorda l’Organizzazione degli imprenditori agricoli - riguarda i datori di lavoro delle imprese appartenenti alle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole nonché dell’allevamento, dell’ippicoltura, della pesca e dell’acquacoltura, che svolgono le attività identificate dai codici ATECO indicati nei decreti ministeriali 15/09/2020 e 10/12/2020.

Per Confagricoltura finalmente, per far fronte alle difficoltà causate dalla lunga pandemia, si rende attuabile una importante misura a sostegno al settore agricolo, grazie anche a un ingente stanziamento di risorse pari a quasi 500 milioni di euro.

La circolare INPS precisa che, per ottenere l’esonero, è sufficiente che almeno una delle attività svolte, anche non in via principale, sia riconducibile ad un codice ATECO indicato dai decreti ministeriali. In tal caso la misura viene riconosciuta per la contribuzione dell’intera posizione contributiva dell’azienda, non solo per quella che rientra nei codici.

L’INPS - sottolinea Confagricoltura - ha quindi condiviso la nostra tesi interpretativa prendendo atto che l’agricoltura moderna è sempre più caratterizzata dalla multifunzionalità e che in tale contesto diventa particolarmente difficile individuare quale sia l’attività principale esercitata dall’impresa agricola.

Per l’Organizzazione degli imprenditori agricoli questo provvedimento attenua in parte le difficoltà di imprese e lavoratori, anche se preoccupano i tempi stretti per la domanda (30 giorni) e l’obbligo di comunicare gli aiuti percepiti o richiesti che rientrano nel “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID”, vista la complessità, lacunosità ed eterogeneità della normativa di riferimento.

Infine, per Confagricoltura, il limite individuale a questi aiuti previsti dal “Quadro Temporaneo” per le imprese operanti nel settore primario della produzione agricola, anche se è stato recentemente elevato a 225.000 euro, rimane comunque un possibile ostacolo per le imprese più strutturate e con maggiore carico di manodopera.

Comunicato originale.

Fonte: confagricoltura.it


17 Aprile 2021
 

INNOVAZIONE, DIGITALIZZAZIONE, COMPETENZE NEL SETTORE OLIVICOLO

IL PUNTO DI VISTA DEGLI IMPRENDITORI.

Convegno on line 22 aprile 2021 ore 16.00

Per iscriversi cliccare qui    https://it.surveymonkey.com/r/settoreolio

Entro la mattina del 22 aprile riceverà il link per partecipare al convegno sulla piattaforma di TEAMS. 

Saranno presentati i risultati di uno studio di Confagricoltura, Assofrantoi, Op Confoliva, Enapra con la collaborazione tecnica di Nomisma, che ha analizzato il fabbisogno di innovazione e di competenze delle aziende.

Il direttore Generale di Confagricoltura, Francesco Postorino, aprirà i lavori che forniranno l’occasione per riflettere sullo stato dell’arte del settore ma soprattutto delle prospettive future.

Durante il convegno, dopo la presentazione dei risultati della ricerca da parte di Denis Pantini, Nomisma, e di Palma Esposito, Confagricoltura, saranno direttamente gli imprenditori che si confronteranno su quali obiettivi lavorare per assicurare al settore la necessaria competitività.

Uno spazio sarà dedicato alle opportunità derivanti dalla formazione continua come driver per lo sviluppo delle strategie di impresa, con la partecipazione del direttore del Foragri Roberto Bianchi. Chiuderà i lavori Luca Brondelli di Brondello, Componente della Giunta Esecutiva di Confagricoltura e Presidente di Enapra, Ente di Formazione di Confagricoltura che insieme a Assofrantoi e Op Confoliva hanno organizzato e promosso la ricerca.

Per informazioni: info@enapra.it o opconfoliva@confagricoltura.it . tel 06 6852 218 

Il convegno sarà registrato e poi disponibile anche sulla piattaforma di Enapra #CondividiamoCompetenze. 


Cordialmente, 

CONFAGRICOLTURA, ENAPRA, OP CONFOLIVA, ASSOFRANTOI

Seguici su Facebook