Gravi danni alle coltivazioni dei Castelli Romani

Gli agenti atmosferici rappresentano una variabile imprevedibile per ogni agricoltore e quando, come accaduto domenica scorsa, 12 Maggio, una violenta grandinata si abbatte sulle coltivazioni, spesso non rimane che fare la conta dei danni.

Questo è quanto accaduto nell'intera area dei Castelli Romani, della province di Latina e Frosinone che per diverse ore sono state flagellate da chicchi di grandine con un diametro fino a 3 cm.

OpConfoliva e Assofrantoi sono vicine agli agricoltori di ogni settore, e in particolar modo a tutti gli operatori della filiera olivicola dei Castelli Romani, di Latina e di Frosinone. I danni sono ingenti e colpiscono un settore già messo alla prova dalla gelata dello scorso anno.

Eventi di mal tempo si sono verificati anche in altre zone d'Italia e noi siamo in costante contatto con i nostri associati per avere un quadro generale della situazione e lavoriamo nelle sedi preposte per ottenere la giusta considerazione e, laddove possibile, ottenere il giusto risarcimento dei danni verificatisi.

Impediamo che l'olio d'oliva venga tassato negli USA

L'olio d'oliva rischia di finire vittima delle nuove tasse di importazione proposte dal governo americano. Questo renderebbe molto più difficile e costoso esportare il nostro olio negli USA. La "North American Olive Oil Association" ha lanciato una petizione per impedirlo.

Il testo completo della petizione e il modulo per firmarla sono disponibili qui.

Per chi non fosse pratico con l'inglese, questa è la traduzione della petizione:

Non tassate la nostra salute!

Per favore aiutateci a presentare una petizione all'USTR per rimuovere l'olio d'oliva europeo dall'elenco proposto delle tariffe di ritorsione.
Chiediamo al rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) di eliminare l'olio d'oliva dall'elenco di prodotti proposto perché includerlo equivarrebbe a una tassa sulla salute dei consumatori americani, che sono i più colpiti dalle tariffe sugli oli d'oliva europei. Chiediamo all'USTR di eliminare l'olio d'oliva dalla lista per consentire ai consumatori americani di seguire modelli di alimentazione sana in linea con i consigli dei loro medici, nutrizionisti e dietologi.

L'olio d'oliva è uno degli alimenti più sani che possiamo mangiare. La FDA ha riconosciuto l'olio d'oliva come un alimento benefico per la salute cardiovascolare, ma i suoi benefici vanno ben oltre. Le linee guida dietetiche dell'USDA per gli americani raccomandano la dieta mediterranea, per la quale l'olio d'oliva è una delle tre principali componenti, come uno dei tre modelli dietetici sani. Una importante società di consulenza scientifica ha stimato che convincere gli americani ad aumentare l'adesione alla Dieta Mediterranea si tradurrà in un risparmio di 20 miliardi di dollari nel trattamento di molti disturbi che vanno oltre le malattie cardiache, tra cui cancro, diabete e demenza. Infatti, il medico popolare di dieta ed il chirurgo cardiaco Steven Gundry, M.D. è andato fino a dire "lo scopo intero di alimento è di ottenere l'olio d'oliva nella vostra bocca!

Eppure l'USTR ha proposto tariffe sugli oli d'oliva tra una lunga lista di prodotti dell'Unione Europea in rappresaglia per i sussidi dell'industria aeronautica europea. Questo è ingiustificato. Non c'è alcun collegamento tra l'aeronautica e gli oli d'oliva. Inoltre, gli americani non hanno un'alternativa realistica all'olio d'oliva europeo, che in genere rappresenta oltre il 70% della produzione mondiale annuale, proveniente principalmente da Spagna, Italia, Grecia e Portogallo. Gli Stati Uniti consumano circa 300.000 tonnellate di olio d'oliva, e gli Stati Uniti stessi hanno prodotto solo 10.000 tonnellate nel 2018-19. Uno studio sull'atteggiamento e l'uso del 2018, commissionato dal NAOOA e dall'American Olive Oil Producer's Association, ha confermato che la salute è un fattore principale che porta gli americani ad acquistare l'olio d'oliva. Quindi, una tariffa sull'olio di oliva europeo punirà principalmente i consumatori americani che dovranno pagare prezzi più alti per gli oli di oliva, o passare a grassi da cucina meno sani, o addirittura nocivi per la salute, ma meno costosi.
L'olio d'oliva è l'unico prodotto dell'esaustivo elenco proposto dall'USTR, raccomandato da medici, nutrizionisti e dietologi americani ai loro pazienti per la prevenzione o la cura delle malattie croniche. L'USTR stima che il valore totale delle importazioni dei prodotti per i quali propone tariffe di ritorsione ammonta a 21 miliardi di dollari. Tuttavia, nell'elenco proposto dall'USTR mancano chiaramente i prodotti farmaceutici, i dispositivi e le attrezzature mediche. Il valore dei prodotti farmaceutici europei esportati nei soli Stati Uniti ammonta a quasi 50 miliardi di dollari. Si tratta di più del doppio dell'intero elenco proposto (e di più di cinquanta volte il valore delle importazioni di olio d'oliva). Naturalmente, l'USTR è giustificato nel lasciare i dispositivi e le apparecchiature farmaceutiche e mediche fuori dall'elenco, perché includerli avrebbe un impatto sulla salute dei cittadini statunitensi, soprattutto nella misura in cui non ci può essere un'alternativa realistica per la fornitura di tali prodotti. La stessa considerazione dovrebbe essere riservata agli oli d'oliva.
Inoltre, sebbene la maggior parte dell'olio d'oliva sia importato negli Stati Uniti, l'industria sostiene migliaia di posti di lavoro nazionali. Dai lavoratori a lungo termine che scaricano l'olio d'oliva nel porto americano, ai posti di lavoro nelle fabbriche nazionali di imbottigliamento dell'olio d'oliva, ai camionisti che lo trasportano in tutto il paese, l'industria dell'olio d'oliva è alimentata da lavoratori americani.

L'USTR dovrebbe riconoscere l'importanza del consumo di olio d'oliva per la salute degli americani e il fatto che non esiste una fonte alternativa realistica di approvvigionamento. Di conseguenza, i consumatori americani sarebbero in primo luogo quelli puniti da una tariffa sugli oli d'oliva. Di conseguenza, l'USTR dovrebbe eliminare gli oli d'oliva dall'elenco proposto, così come ha escluso i prodotti farmaceutici, i dispositivi e le attrezzature mediche dall'elenco. 

Vi invitiamo a firmare la petizione e a diffonderla il più possibile per scongiurare questa eventualità che produrrebbe un danno enorme al nostro export e di conseguenza a tutta la filiera olivicola. Vi ricordiamo in oltre il link per firmare la petizione.

Guida pratica all'etichettatura

Pubblichiamo l'ultima guida pratica all'etichettatura con una breve introduzione del Il Capo dell’Ispettorato Stefano Vaccari.
 

"La normativa europea sull'etichettatura ha fissato il principio che “Per ottenere un elevato livello di tutela della salute dei consumatori e assicurare il loro diritto all'informazione, è opportuno garantire che i consumatori siano adeguatamente informati sugli alimenti che consumano...”.

 
L’etichetta del prodotto è in genere lo strumento che consente al consumatore di ottenere le informazioni: essa rappresenta una sorta di carta d’identità dell’alimento.
 
Ma l’etichetta è anche uno strumento che il marketing aziendale utilizza per promuovere il prodotto, proponendo spesso messaggi che esaltano le qualità dello stesso e le differenze rispetto ai concorrenti.
 
In pochi centimetri quadrati, quindi, si confrontano due esigenze: quella del produttore, che vuole promuovere adeguatamente il proprio prodotto ed il proprio brand, differenziandolo dagli altri, e quella del consumatore, che vuole conoscere esattamente ciò che sta acquistando. Conciliare le due esigenze è l’obiettivo della legislazione europea e dei conseguenti controlli, anche relativamente la commercializzazione dell’olio di oliva.
 
La “Guida pratica all’etichettatura degli oli d’oliva”, giunta alla sua seconda edizione, vuole fornire agli operatori del settore uno strumento per commercializzare l’olio di oliva in modo corretto e positivo per il consumatore e per il produttore, sia con riferimento alle indicazioni obbligatorie in etichetta che a quelle facoltative.
 
Gli Ispettori Roberto Ciancio e Roberta Capecci, che hanno redatto la Guida, sono da anni punto di riferimento all’interno dell’ICQRF per le tematiche dell’etichettatura e hanno aggiornato la Guida cercando di renderla ancora più fruibile e operativa, oltre che aggiornata con le ultime novità normative.
 
La Guida si affianca all'altro strumento prodotto dall’ICQRF a supporto degli operatori dell’olio di oliva, gli “Esempi di compilazione” relativi alla tenuta del registro telematico degli oli, disponibile, come la Guida, sul “Portale dell’Olio d’Oliva” del SIAN e redatto sempre dagli Ispettori Ciancio e Capecci.
 
Prosegue così lo sforzo dell’ICQRF, una delle Autorità antifrode a livello mondiale come numero di controlli, nel favorire i corretti comportamenti degli operatori e l’informazione dei consumatori. Solamente nel settore dell’olio, nel 2018 ICQRF ha svolto oltre 6.600 controlli ispettivi e analitici, verificando 3.167 operatori. Numerose delle irregolarità riscontrate hanno riguardato proprio l’etichettatura e l’auspicio è che la lettura della Guida possa ridurre il numero di irregolarità riscontrate."
 
 
Il Capo dell’Ispettorato Stefano Vaccari


Disponibile qui l'intera guida.

Si apre la nuova stagione formativa

Con l'incontro di Vibo Valentia svoltosi il 17 Aprile si è inaugurata la nuova stagione di corsi di formazione svolti da OpConfoliva e Assofrantoi. Primo di una serie di sedici incontri che si svolgeranno in sette regioni (Lazio, Calabria, Umbria, Sicilia, Puglia, Toscana e Campania) e che seguono gli altrettanti già svolti nella scorsa stagione.

Il prossimo incontro si svolgerà nel Lazio, nello specifico a Grottaferrata (Roma).

Proposte emendative approvate

Pubblichiamo il documento della commissione XIII
DL 27/2019 - Disposizioni urgenti in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi e di sostegno alle imprese agroalimentari colpite da eventi atmosferici avversi di carattere eccezionale e per l'emergenza nello stabilimento Stoppani, sito nel comune di Cogelato. C. 1718 Governo

Documento disponibile qui.